Nurofen bambini e ranitidina ritirata dall'Aifa: fake news a cui non credere

Nurofen bambini e ranitidina ritirata dall'Aifa: cosa dobbiamo sapere?

Nurofen bambini

Nurofen bambini e ranitidina ritirata dall'Aifa a scopo precauzionale, cosa devono sapere i genitori italiani? Devono sapere che, purtroppo, su internet stanno girando in queste ore moltissime fake news legate alla notizia del ritiro di alcuni farmaci da parte dell'Agenzia Italiana del Farmaco, con nomi di medicinali che non appartengono assolutamente all'elenco reso noto sul sito ufficiale, quello che bisognerebbe sempre consultare.

Sul web si è creato un vero e proprio allarme e l'Aifa è dovuta intervenire per smorzare il dilagarsi di fake news potenzialmente pericolose per la salute di ogni cittadino. Nella lista dei potenziali farmaci pericolosi, che sono stati posti sotto analisi dall'agenzia italiana e da altre agenzie europee, se ne sono aggiunti altri, inventati di sana pianta, che non riguardano assolutamente il provvedimento. Che, lo ricordiamo, riguarda solo medicinali a base di ranitidina.

Principio attivo Nurofen bambini

Se i vostri piccoli devono prendere il Nurofen dolore e febbre in ogni sua forma (sospensione orale/sciroppo, supposte e capsule molli masticabili) per qualsiasi motivo, continuate a somministrarlo seguendo le dosi e le modalità consigliate dal pediatra del bambino. Perché questo medicinale pensato per i pazienti più piccoli non contiene ranitidina, ma ibuprofene e altri eccipienti, che nulla hanno a che vedere con il provvedimento preso dall'Aifa.

La bufala riguarda poi anche altri farmaci:

Subitene – Momentdoll – Arfen – Brufen – Antalfort – Spidifen – Sinifev – Nurofen febbre e dolore bambini – Antalfebal bambini – Actavis – Ginenorm – Cibalgina due fast – Momentact – Moment – Algofen – Antalgil – Calmine – Buscofen – Vicks flu-action – Nurofast – Fenadol – Dealgic – Deflamat – Voltfast – Algosenac – Ribex flu

Si tratta di fake news, perché sono tutti medicinali privi del principio attivo sotto la lente di ingrandimento, la ranitidina: chiedete consiglio al medico, al farmacista o consultate il sito dell'Aifa per ogni informazione utile.

  • shares
  • Mail