L’emergenza Coronavirus ha posto tutte le famiglie italiane in una situazione di caos, chiudere le scuole dall’oggi al domani non è stata una decisione presa a cuor leggero, ma è stata necessaria per proteggerci tutti a vicenda. Tutte le famiglie sono in difficoltà, riorganizzare le giornate con i bimbi a casa è difficile, soprattutto se si lavora a tempo pieno, ci si sposta o ci sono altre persone che dipendono da noi.

Ci sono le persone che a lavoro possono contare su sostegno, comprensione e flessibilità, ma ci sono anche quelli che per un motivo o per un altro non possono. In Lombardia alcune famiglie hanno creato dei mini asili in casa per accogliere più bambini e aiutare i genitori che non avevano a chi lasciarli e non hanno avuto il tempo materiale per organizzarsi.

Purtroppo questi mini asili non vanno bene perché si creano gli stessi pericoli che ci sarebbero stati a scuola e all’università. Troppe persone in un ambiente chiuso, senza poter quindi seguire le normative del nuovo decreto dell’evitare il più possibile i contatti con le altre persone.

A tal proposito è intervenuto il vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala, che ha spiegato: “Abbiamo notizia che si creano dei mini asilo a casa con i genitori: questo è negativo e non è in linea con comportamenti che dobbiamo tenere. Può essere fatto con pochissimi bambini e sempre gli stessi ma se chiudiamo gli asili e poi si riaprono nelle case non va bene. Si sta lavorando sul congedo parentale e sul sostegno al voucher baby sitter”.

Purtroppo la situazione è difficilissima e fa anche paura ed è proprio per questo che dobbiamo fare il massimo per evitare, o almeno contenere, il più possibile il contagio facendo leva sul nostro senso civico. A breve dovrebbero arrivare risposte e aiuti sul congedo parentale e sui voucher baby sitter.

via | Ansa
Foto | Pixabay

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Salute Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

PAW Patrol | Laviamoci le mani insieme