Le poesie di Pasqua per bambini

Una raccolta delle più belle poesie di Pasqua per bambini da imparare a memoria o leggere insieme.

poesie di Pasqua per bambini

Le poesie di Pasqua per bambini sono un rituale che si ripete ogni anno, di solito le insegnano le maestre a scuola, quest’anno invece tocca ai genitori farle imparare ai più piccoli. Abbiamo selezionato per voi una raccolta delle più belle poesie di Pasqua, brani molto carini che potete far imparare ai memoria ai bimbi, oppure leggere insieme prima di pranzo oppure a colazione.

Quest’anno sarà una Pasqua un po’ diversa dal solito, ma anche a casa si può organizzare qualcosa di bello senza far pesare troppo questo periodo di quarantena. Si possono preparare dei lavoretti o dei bigliettini di auguri da mettere nella buca della lettere dei vicini di casa, preparare qualche dolcetto speciale e anche fare delle letterine con le poesie di Pasqua.

Dall'uovo di Pasqua di Gianni Rodari


Dall'uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: "Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio".
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
"Viva la pace,
abbasso la guerra"

E' arrivato un treno carico di Gianni Rodari


E arrivato un treno carico di..
Il quarto vagone è riservato
a un pasticcere rinomato
che prepara, per la Pasqua,
le uova di cioccolato
Al posto del pulcino
c'è la sorpresa.
Campane di zucchero
suoneranno a distesa

Il pulcino


Un grazioso pulcino appena nato
ti ricorda che il sole è già arrivato.
Lui festeggia insieme a te
questo senso di pace che oggi c'è.
E' venuto a ricordare che
in questa Pasqua tutto si può rinnovare.
Pace, amore e libertà
di sicuro la Pasqua porterà

Nell'uovo di Pasqua


Nell'uovo di Pasqua che mai ci sarà?
C'è forse nascosta la felicità?
Apritelo piano se no, la per là,
la dolce sorpresa scappare potrà

Gesù di Giovanni Pascoli


E Gesù rivedeva, oltre il Giordano

campagne sotto il mietitor rimorte:

il suo giorno non molto era lontano.

E stettero le donne in sulle porte
delle case,
dicendo: Ave, Profeta! 

Egli pensava al giorno di sua morte.

Egli si assise all'ombra d'una meta
di grano,
e disse: Se non è chi celi
sotterra il seme,
non sarà chi mieta.

Egli parlava di granai ne' Cieli:

e voi, fanciulli, intorno lui correste

con nelle teste brune aridi steli.
Egli stringeva al seno
quelle teste
brune; e Cefa parlò:
Se costì siedi,
temo per l'inconsutile tua veste .

Egli abbracciava i suoi piccoli eredi;

Il figlio - Giuda bisbigliò veloce -
d'un ladro,
o Rabbi, t'è costì tra' piedi:

Barabba ha nome il padre suo, che in Croce
morirà ».
Ma il Profeta, alzando gli occhi,
« No »,
mormorò con l'ombra nella voce;

e prese il bimbo sopra i suoi ginocchi.

Resurrezione di Alessandro Manzoni


E' risorto: il capo santo
più non posa nel sudario
è risorto: dall'un canto
dell' avello solitario
sta il coperchio rovesciato:
come un forte inebbriato ,
il Signor si risvegliò
Era l'alba; e molli il viso
Maddalena e l'altre donne
fean lamento in su l'Ucciso;
ecco tutta di Sionne
si commosse la pendice
e la scolta insultatrice
di spavento tramortì
Un estranio giovinetto
si posò sul monumento:
era folgore l'aspetto
era neve il vestimento:
alla mesta che 'l richiese
dié risposta quel cortese:
è risorto; non è qui.

Pasqua di Guido Gozzano

A festoni la grigia parietaria
come una bimba gracile s'affaccia
ai muri della casa centenaria.
Il ciel di pioggia è tutto una minaccia
sul bosco triste, ché lo intrica il rovo
spietatamente, con tenaci braccia.
Quand'ecco dai pollai sereno e nuovo
il richiamo di Pasqua empie la terra
con l'antica pia favola dell'ovo.

Pasqua


Le uova a sorpresa,
le rondini e i fiori,
rallegran la Pasqua
di vivi colori.
Ma il dono più bello,
regalo migliore,
lo porta la pace
in fondo al cuore.

E' Pasqua


“E' pasqua!”, cantano in coro
mille campane d’oro.
Sulle chiesine, sulle cattedrali,
che dolci trilli, che ricami d’ali!
Bimbi e agnelli giocano tra i fiori.
Una speranza nasce in tutti i cuori.
E tra gli squilli, le corolle e i canti
si sentono più buoni tutti quanti.

Pasqua è Pace


Vien un suono sa lontano
lieve lieve, piano piano.
Entra dolce in ogni cuore
Come un dono del Signore.
Tutti quanti son felici
tutti quanti sono amici.
Con la Pasqua del Signore
c’è la pace in ogni cuore.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail