Coronavirus, Fase 2: come comportarsi con i bambini

E’ importante che i bambini affrontino la fase 2 rispettando le norme del distanziamento sociale.

La fase 2 significa riaprire lentamente e tornare alla vita sociale, ovviamente con le limitazioni imposte dal distanziamento sociale. Come comportarsi con i bambini? Hanno fatto il punto i pediatri della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS).

In genere i bimbi superano l’infezione da Covid-19 prevalentemente in modo asintomatico o lieve, sebbene recentemente siano stati riportati casi di bambini che hanno sviluppato la malattia in modo grave. Inoltre, il possibile ruolo di portatore sano li rende un potenziale mezzo di contagio per la loro alta socialità, rischio che sarà ancora maggiore con l’inizio della scuola nel prossimo settembre.

Per questo motivo l’ultimo DPCM, datato 26 aprile, impone ai piccoli dai 6 anni in poi di indossare la mascherina. L’assenza dell’obbligo delle mascherine per i bambini di età inferiore ai 6 anni, potrebbe essere dovuta alla difficoltà oggettiva di far indossare ad un bambino di età inferiore ai 6 anni, soprattutto fargliela tenere. Margherita Caroli, pediatra, esperta in nutrizione della SIPPS, ha quindi suggerito:

“I bambini sotto i due anni non devono indossare mascherine non solo per l’oggettiva difficoltà, ma anche per il rischio di soffocamento, che non deve essere sottovalutato. A questa età potrebbero essere utilizzati cappellini o cerchietti con visiera trasparente lunga, che scherma anche occhi, naso e bocca, le vie di ingresso del virus. Non devono indossare la mascherina i bambini affetti da patologie neurologiche o respiratorie e nemmeno i bambini che abbiano difficoltà a levarla da soli. Infine, non dovrebbero indossarla i bambini che con la mascherina si toccano molto più frequentemente il viso perché la protezione indotta dalla mascherina sarebbe invalidata dal più frequente contatto mani-viso. Questi bambini devono quindi adottare in ogni situazione un distanziamento superiore ad un metro”.

Ovviamente, si consiglia di far indossare le mascherine quando i bambini non possono mantenere una distanza inferiore al metro. Se il bambino passeggia o va in bicicletta o gioca all’aperto da solo o con un adulto convivente e non c’è il rischio di incontrare a distanza ravvicinata altre persone non è necessario indossare la mascherina, mentre è importante averla al supermercato o sui mezzi pubblici.

Quali mascherine usare? Vanno bene quelle in stoffa, lavabili e riutilizzabili, e possibilmente in TNT. Queste mascherine dovrebbero avere una lunghezza di circa 12 cm ed una larghezza di 5 cm per potersi adattare al viso dei bambini e coprire adeguatamente naso e bocca. Dopo i 6 anni e fino ai 12 anni potrebbero essere utilizzate mascherine di dimensioni maggiori, 15cm per 7,5cm.

  • shares
  • Mail