Scuola primaria e scuola materna: gli studenti universitari diventano maestri

Gli studenti del quarto anno di Scienze della Formazione primaria potranno insegnare alla materna e alle elementari.

Camera abolisce sanzioni disciplinari alle elementari

La scuola è a corto di insegnanti. Lo sappiamo bene. Quello che adesso è evidente è la preoccupazione del Ministero dell’Istruzione di non riuscire a trovare candidati per riempire tutti i posti da supplente che si renderanno necessari l’anno prossimo (le stime si attestano attorno ai 250 mila contratti a tempo determinato). Come risolvere il problema?

Il Ministero ha deciso di dare un’ occasione agli studenti del quarto anno di Scienze della Formazione primaria: potranno insegnare nelle scuole materne e nelle elementari. Non come tirocinanti affiancati da un maestro o da una maestra esperta, ma come supplenti veri e propri.

Per la scuola d’infanzia e la primaria dovrebbero esserci due fasce: la prima riservata ai «soggetti in possesso di abilitazione», ovvero i titolati a insegnare ai più piccoli: i vecchi diplomati magistrali oppure i laureati in Scienze della Formazione primaria. La seconda fascia invece è costituita dagli studenti che a settembre si iscriveranno al quarto o al quinto anno di università purché abbiano assolto almeno 150 crediti sui 300 totali previsti dal corso di laurea. E di ragazzi alla prima esperienza ne arriveranno tanti se pensiamo che solo per la scuola primaria i posti vacanti sono più di 18 mila.

  • shares
  • Mail