In Australia arriva l'etichetta sui pericoli dell'alcool in gravidanza

In Australia è diventato obbligatorio inserire un'etichetta sui pericoli dell'alcool in gravidanza in tutte le bottiglie di alcolici.

Australia etichetta pericoli alcool gravidanza

Il governo australiano fa un decisivo passo avanti contro pericoli dell'alcool durante la gravidanza e obbliga tutti i produttori di bevande alcoliche a inserire nelle confezioni un’etichetta multicolore che mette in guardia sui danni provocati dall’alcool. Un’etichetta ben riconoscibile, appariscente e uguale per tutti che è stata studiata per catturare l’attenzione e che non può essere ignorata.

Bere alcolici durante la gravidanza è molto pericoloso e può provocare seri rischi per la salute del bambino con malattie che possono compromettere per sempre la salute del nascituro. Patologie come la sindrome alcolica fetale non sono affatto rare e non riguardano solo gli altri. L’alcool può anche incidere su equilibri già precari, sulla salute della mamma e quindi mettere a rischio la gravidanza provocando preeclampsia ed eclampsia, parto pre termine, aborto spontaneo e anche malformazioni.

I ministri della Salute degli stati e territori hanno accolto le raccomandazioni dell'ente regolatore Food Standards of Australia and New Zealand e approvato l’obbligo di etichetta. L’etichetta presenta un testo in nero, bianco e rosso che recita: "AVVERTENZA GRAVIDANZA: l'alcool può causare danno al tuo bebè per tutta la vita".

Il ministro responsabile per la salute alimentare, Richard Colbeck, ha spiegato:

“Il governo federale è fortemente impegnato a introdurre etichette per bevande alcoliche di avvertimento alle donne in gravidanza di non consumare alcool, in modo da prevenire la sindrome alcolica fetale e altre patologie correlate al feto".

Richard Colbeck


L’obbligo di un’etichetta colorata e invasiva ha fatto storcere il naso a chi lavora nel settore delle bevande perché, giustamente, questo tipo di grafica va a rovinare un po’ il design delle bottiglie. Ma lo scopo è esattamente quello di attirare l’attenzione, fare in modo che l’avvertimento non possa essere ignorato.

Il direttore di Alcohol Beverages Australia spiega che è un po’ spiacevole essere obbligati a seguire lo schema multicolore della nuova etichetta e che questa comporta dei costi extra e non necessari che vanno a inficiare le casse dei produttori.

Le lamentale ci stanno e sono normali ma mettere un piccolo logo e una scritta perfettamente inglobati con il resto della grafica ha un impatto quasi nullo perché non salta all’occhio.

via | ansa

  • shares
  • Mail