Bambini: il lockdown ha aumentato mal di testa e ossessioni anche nei piccoli

Non solo gli adulti hanno sofferto la quarantena, ma anche i bambini che hanno manifestato maggiori sintomi ossessivi

Coronavirus fratellini in quarantena da soli

Stare chiusi in casa per mesi, senza frequentare gli amici o andare a scuola non è stato semplice per i bambini, anche per quelli che non si sono lamentati. A dimostrarlo è una ricerca italiana, coordinata dagli specialisti dell’Irccs Fondazione Stella Maris di Pisa, condotta su 700 famiglie per verificare quali sono stati effetti del lockdown sui bambini.

Dalla ricerca è emerso che bambini e ragazzi con problematiche neuropsichiatriche tra i 6 ai 18 anni hanno manifestato un aumento della sintomatologia ossessiva-compulsiva, dei comportamenti correlati a un disturbo post-traumatico da stress e di alterazione del pensiero.

Nella fascia di età compresa tra 1 e 5 anni sono aumentate le manifestazioni ansiose e alcuni disturbi tipici, come il mal di testa e il mal di pancia. Quindi purtroppo ci sono state delle conseguenza e sono anche estremamente evidenti.

Bisogna inoltre considerare che le famiglie intervistate erano quelle di pazienti già in cura. E il lockdown non solo ha causato l’isolamento, ma anche contrazione di tutte le terapie in presenza nelle diverse regioni. Ora un altro studio dell’Università di Pisa sta cercando di fare chiarezza su quali siano le variabili che sono intervenute nelle modificazioni dei sintomi.

Fonte | LaStampa

  • shares
  • Mail