Mascherine protettive per bambini, quali scegliere

Qualche consiglio per scegliere le mascherine protettive per bambini, da indossare anche a scuola

Mascherine protettive per bambini

Le mascherine protettive per bambini sono diventate necessarie. Con la riapertura delle scuole e il Coronavirus che ancora circola da Nord a Sud, bisogna proteggersi e prevenire il più possibile nuovi focolai di infezione. Le mascherine per bambini vanno scelte in base all’uso che bisogna farne e a dove devono essere indossate.

Mascherine protettive per bambini

Le mascherine protettive per bambini servono per proteggerli e vanno indossate dai 2 anni in su. Prima dei due anni i bimbi sono troppo piccoli e per loro potrebbero essere pericolose. Da evitare anche le mascherine con il filtro, a meno che non sia il pediatra a consigliarle.

Le mascherine per bambini devono avere misure adatte a loro, in linea di massima potrebbero andar bene quelle di 12×25 centimetri che trovate anche in farmacia. Le mascherine devono coprire naso e bocca ed essere attaccate al viso, senza spazi liberi.

Per i bambini potete scegliere le mascherine chirurgiche oppure quelle di comunità, realizzate in stoffa e che si possono anche fare in casa. Queste mascherine non proteggono del tutto perché non hanno i filtri, ma fanno da barriera e impediscono ai piccoli di mettere le mani sporche nella bocca e nel naso.

Se fate le mascherine in casa potete mettere il tnt tra due strati di tessuto in modo che siano un pochino più efficaci, ma comode per i bambini.

Mascherine protettive per bambini a scuola

Le mascherine per la scuola vanno scelte in base alle disposizioni che riceverete. Molto probabilmente saranno obbligatorie le mascherine chirurgiche, che sono certificate e uguali per tutti. Dato che queste mascherine proteggono gli altri, se tutti le indossano, tutti saranno protetti.

Le mascherine non sono un gioco, è bello che esistano di tutti i colori, con fantasie, supereroi e principesse ma ricordiamoci che sono un presidio medico e che servono per proteggerci a vicenda.

Foto | Alina Braha da Pixabay

  • shares
  • Mail