Seguici su

Istruzione

Come spiegare il calendario dell’Avvento ai bambini

Dicembre si avvicina, e con esso il momento in cui i piccoli aprono le caselline del Calendario dell’Avvento: ecco come spiegarlo loro in modo chiaro.

Come spiegare il calendario dell'Avvento ai bambini

Non c’è atmosfera più magica che quella del periodo di dicembre nel quale si inizia il conto alla rovescia per Natale e si attende la Vigilia con i bambini. Magari facendo ricorso al tradizionale calendario dell’Avvento: quanta allegria mette, giorno per giorno, aprirne le caselline? Il primo approccio dei bambini con tale oggetto è sempre emozionante. Ma qual è il significato per i piccoli e, soprattutto, come spiegarlo loro?

Come spiegare il calendario dell'Avvento ai bambini

Come spiegare ai bimbi il calendario dell’Avvento

L’Avvento è l’inizio dell’anno cristiano. La parola Avvento deriva dal latino ‘adventus‘, che significa ‘venuta’ o ‘arrivo’ per significare la nascita di Gesù. E’ un momento di festa che anticipa la nascita di Cristo. Anche se è tradizionalmente celebrato a partire dalla domenica più vicina al 30 novembre, i moderni calendari dell’Avvento iniziano il conto alla rovescia il 1° dicembre. L’avvento si può celebrare in tanti modi diversi. Uno dei più carini e adatto ai bambini è, appunto, con il relativo Calendario.

Come spiegare il calendario dell'Avvento ai bambini

Che cos’è il calendario dell’Avvento

Il calendario dell’Avvento è una tradizione dei Paesi di lingua tedesca, ormai diffusa anche in Italia. L’Avvento ha un significato molto particolare per i bavaresi perché è quel periodo in cui le famiglie si preparano al Natale, momento dell’anno che è sinonimo di calore domestico, meraviglia dei bambini e piacere di fare e ricevere regali da mettere sotto l’Albero.

Il calendario dell’Avvento per i bambini rappresenta un goloso conto alla rovescia. Esso contiene 24 finestre, con una finestra da aprire ogni giorno nel periodo che precede il Natale. I moderni calendari dell’Avvento per bambini e adulti, fai da te o acquistati, possono includere piccoli regali, cibo come caramelle e cioccolatini, giocattoli o semplicemente bigliettini, magari a tema natalizio, con sopra impresse renne, regali, paesaggi innevati e così via.

Il tabellone è suddiviso in 24 caselle da aprire per scovare la sorpresina o il messaggio, uno per ogni giorno che ci separa dal Natale. I bambini aprono la casella del giorno e si entusiasmano: d’altra parte la festa di Natale è più che altro dedicata ai piccoli di casa, non trovate.

Foto di congerdesign da Pixabay, di Ulrike Mai da Pixabay e di Hans Braxmeier da Pixabay

Leggi anche

bambino che scrive su un calendario e impara l'organizzazione del tempo bambino che scrive su un calendario e impara l'organizzazione del tempo
Scuola1 giorno ago

Insegnare ai bambini a organizzare il loro tempo di studio

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per insegnare ai bambini a organizzare il loro tempo di studio. Insegnare ai...

viaggio in famiglia, aeroporto viaggio in famiglia, aeroporto
Gite e viaggi1 giorno ago

Come viaggiare con i bambini in Europa e creare ricordi indimenticabili

Viaggiare con i bambini in Europa può essere un’esperienza emozionante e coinvolgente per tutta la famiglia. Secondo una ricerca, oltre...

ragazza universitaria ragazza universitaria
Scuola4 giorni ago

Come affrontare il trasferimento in una nuova scuola

In questo articolo forniremo qualche consiglio per affrontare al meglio il trasferimento in una nuova scuola. Affrontare il trasferimento in...

bambino studia matematica bambino studia matematica
Scuola6 giorni ago

Affrontare le difficoltà in matematica: consigli per i genitori

In questo articolo, forniremo alcuni consigli utili per aiutare i genitori ad affrontare le difficoltà in matematica dei loro figli....

bambini che giocano a calcio bambini che giocano a calcio
Scuola1 settimana ago

La gestione dell’orario extra scolastico: attività e riposo

In questo articolo, esploreremo l’importanza di una gestione equilibrata dell’orario extra scolastico. La gestione dell’orario extra scolastico è un aspetto...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 settimane ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola2 settimane ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola2 settimane ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola3 settimane ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola3 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola3 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola4 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...