L'incubazione della varicella e i tempi di guarigione nei bambini

incubazione della varicella

La varicella è una malattia molto contagiosa, che solitamente colpisce i bambini sotto i 12 anni di età, ma non sono rari i casi di persone che contraggono tale malattia da adulti (con maggiori rischi annessi, soprattutto per le donne in gravidanza e per gli uomini). E' una delle malattie infettive più comuni, per le quali esiste anche un vaccino ma non è tra quelli obbligatori in Italia.

Il periodo di incubazione della varicella è di solito stimato tra i 10 e i 20 giorni: si può essere portatori del virus da circa due giorni prima dell'eruzione cutanea (che comincia sulla pancia, sulla schiena e sul viso, per poi estendersi a tutto il corpo) e fino a quando non tutte le vesciche apparse sul nostro corpo hanno fatto la crosticina. E a volte si è infettivi anche dopo!

E' comprensibile il motivo per il quale i pediatri consigliano di tenere a casa i bambini non appena ci accorgiamo dei primissimi sintomi della varicella: per evitare il contagio è bene conoscerli alla perfezione e riconoscere subito le prime vescicole, così da essere certi di evitare di diffondere troppo il virus.

Per evitare il contagio (inevitabile in caso di fratelli, che stanno a stretto contatto tutto il giorno) è consigliabile di far lavare bene le mani ai bambini e spesso, soprattutto prima di mangiare e dopo aver usato il bagno, oltre che cercare di tenere il piccolo lontano, per quanto è possibile, da altre persone che ancora non hanno contratto il virus.

Di solito il bambino comincia a stare male un paio di giorni prima dall'eruzione delle prime macchioline, con sensazione di malessere, febbre bassa, mal di gola, mal di testa. Dopo due giorni ecco le prime vesciche. Una volta che saranno comparse su tutto il corpo, ci andrà una settimana prima che siano tutte secche e solo in questo momento il bambino non è più contagioso (ma meglio calcolare un paio di giorni di sicurezza in più). In tutto, dunque, calcolate un paio di settimane prima che il piccolo malato possa guarire completamente ed essere riammesso a scuola.

Foto | Flickr

Via | Farmaco e cura

  • shares
  • Mail