I dolcificanti sintetici si possono assumere in gravidanza e in allattamento?

Le domande più frequenti delle donne in gravidanza prima e in fase di allattamento poi sono proprio quelle che riguardano la sfera del cibo e degli alimenti, cosa si può mangiare senza problemi, e cosa invece deve essere off-limits per la donna incinta. Molte future mamme si preoccupano giustamente di chiedersi se quello che assumono quotidianamente possa nuocere in qualche modo alla salute del bimbo che sta crescendo nel pancione.

Quasi tutte sappiamo che è molto meglio evitare caffeina, alcolici, fumo, affettati e derivati (se non abbiamo fatto la toxoplasmosi), e tutti quei piatti grassi, non sani e troppo elaborati (che non sono quindi digeribili); ci sono questioni però su alcuni ingredienti ancora motivo di dubbio e poco chiare. Questo è il caso dei famosissimi dolcificanti sintetici, edulcoranti artificiali creati in laboratorio e compagnia bella. Si possono assumere tranquillamente in gravidanza e in allattamento, e in caso di risposta negativa, per quale motivo?

Come potevate aspettarvi, se vi è passato per la mente il dubbio, vuol dire che la risposta è in via di massima: meglio evitare. Primo perchè ci sono studi scientifici che spesso si rivelano in contrasto tra loro confondendoci le idee, ma dato che in alcuni casi hanno dimostrato come l'aspartame e i derivati chimici possano influire su alcune malformazioni del neonato, è molto meglio non rischiare. Proprio per questo nel possibile è buona cosa glissare, ed è meglio prediligere invece gli zuccheri semplici come il fruttosio, il lattosio ed il glucosio.

Inoltre gli zuccheri semplici e naturali ricaricano in fretta le pile quando andiamo incontro agli sbalzi di stanchezza tipici della gravidanza, soprattutto durante i primi mesi. In generale quindi i medici sconsigliano l'uso di dolcificanti artificiali come la saccarina, l'aspartame, il ciclamato e via dicendo, in gravidanza, e anche in allattamento.

Perfetti invece, sempre in utilizzo moderato, tutti gli zuccheri naturali: saccarosio (zucchero bianco), zucchero di canna o di barbabietola, miele, fruttosio e così via. A questa pagina web potete trovare tutti gli zuccheri con proprietà, origine e classificazione nel dettaglio.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail