Il cibo biologico per i bambini non sarebbe più sano di quello convenzionale

cibo-bio-per-bambini

Ci sono famiglie in cui vige la regola del cibo bio sempre e comunque. Oggi questo tipo di prodotti sono in vendita presso gli ipermercati ma anche presso i negozi specializzati. Solitamente i genitori italiani acquistano ortofrutta fresca, formaggi e latte, bevande analcoliche, biscotti e uova. Ma è veramente oro tutto ciò che luccica?

Scopriamo, grazie ad una ricerca americana effettuata da Tiffany Hays presso il Johns Hopkins Children’s Center che una dieta variata è molto più importante di una dieta bio che senza dubbio non fa male, ma non è detto che sia più sana della dieta convenzionale.

I prodotti biologici per legge non contengono conservanti e coloranti ma soltanto additivi di origine naturale. Inoltre non contengono pesticidi e non possono essere geneticamente modificati. Gli studi della Hays hanno rilevato che additivi e conservanti, presenti nel cibo non biologico, non avrebbero gli effetti negativi sui bambini. Un eccesso di additivi sono stati fatti risalire al cancro, alle malattie immunitarie, ai disturbi gastrointestinali e ai problemi comportamentali ma non c'è stata alcuna prova al riguardo.

Il cibo bio sembra una "moda" seguita sull'onda dell'entusiasmo, nonostante costi fino a due volte gli alimenti per bambini coltivati convenzionalmente. Quante mamme seguono l'esempio di amiche mamme acquistando cibo online o a domicilio, pensando di fare il meglio per il proprio piccolo? Per questo il business è in crescita -in Italia il fatturato del bio è superiore ai 3 miliardi di euro, cioè oltre il 300 per cento rispetto al 2000. La questione importante non è tanto se optare per una dieta bio o non bio per i propri figli, quanto leggere bene le etichette degli alimenti per vedere se sono controllati da parte della CEE e seguano i parametri da questa stabiliti. certo l'ambiente

Via | Wired
Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail