Le transaminasi sono degli enzimi che troviamo in particolar modo nel fegato e nei muscoli scheletrici striati, come ad esempio il cuore. In caso di valori molto alti possono essere il segnale preoccupante di qualche problema a casico del fegato o delle vie biliari.

Il valore delle transaminasi si può conoscere attraverso un normale esame del sangue: livelli alti possono indicare che è in corso una dieta sbagliate con troppe calorie, che si sta praticando un’attività fisica troppo intensa, mentre in gravidanza può essere il segnale di squilibri ormonali o eccessi dietetici.

Gli ormoni “impazziti” durante i nove mesi di gestazione possono causare livelli più alti di transaminasi, che non devono assolutamente preoccupare, anche perché dopo il parto, se tutto è nella norma, dovrebbero ritornare a valori normali.

Sicuramente il vostro medico curante vi proporrà comunque una dieta per poter comunque limitare l’aumento di questo enzima nel vostro organismo. Una dieta che non vale solamente per le donne in dolce attesa, ma anche per tutti coloro che soffrono di transaminasi alte.

Se i valori sono alti, abolite gli alcolici, cosa che viene fatta normalmente durante i nove mesi più belli della vita di ogni donna, prima di tutto nell’eliminare alcolici (norma già seguita normalmente in gravidanza), evitando di mangiare cibi grassi e che contengono troppi zuccheri. Dovete limitare latticini, carne rossa, fritti, funghi, melanzante, peperoni, cavoli, cavolfiori, che causano un lavoro troppo intenso del fegato. Limitate l’olio di oliva, l’olio di semi, la frutta secca.

I cibi da assumere con tranquuillità sono il pesce e i legumi, la carne magra, la pasta, il riso, il pane e la frutta fresca. Se siete in sovrappeso, cercate di perdere qualche chilo e limitate la vostra attività fisica!

Foto | da Flickr di lsuchick142

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cronaca Leggi tutto