La placenta anteriore al contrario della più pericolosa placenta previa, o placenta bassa, è una condizione non pericolosa e che non presenta particolari sintomi per la donna in gravidanza. Avere la placenta anteriore vuol dire infatti che la placenta, invece di posizionarsi correttamente, si è inserita sulla parete anteriore dell’utero. Ma questa è una situazione che rientra nella normalità soprattutto all’inizio della gravidanza, e non crea gravi problemi nè per il parto nè durante la dolce attesa.

Al contrario la placenta previa significa che la membrana preziosa per il nutrimento del bebè, si è posizionata più in basso del dovuto, in corrispondenza del collo uterino, ed in questo caso la situazione è più delicata. Si possono infatti creare problemi al momento del parto, che variano però sempre da caso a caso.

Un fatto confortante: all’inizio della gestazione la placenta è previa nel 5% dei casi e non deve preoccupare perchè spesso con i cambiamenti di volume dell’utero, la membrana si riposiziona naturalmente. Ma se la placenta si abbassa verso la fine della gravidanza probabilmente il monitoraggio da parte del ginecologo si farà più frequente e il rischio è quello di un parto cesareo, soprattutto se la placenta è in punto che impedisce al piccolino di attraversare il canale del parto, il tunnel che porta alla luce.

Via | Google Groups

Foto | Getty Images

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gravidanza Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

PAW Patrol | Laviamoci le mani insieme