Obesità nei bambini, attenzione alle pubblicità di cibo spazzatura online

La pubblicità di cibo spazzatura può favorire l'obesità tra i bambini: l'OMS punta il dito anche su quella presente online.

obesita-infantile.jpg

Le pubblicità di cibo spazzatura aumentano il rischio di obesità nei bambini. L'OMS già in passata aveva puntato il dito contro gli spot televisivi, ma ora l'Organizzazione Mondiale della Sanità pone la nostra attenzione anche sugli spot online, che sono sempre più coinvolgenti e diffusi.

Secondo l'OMS, le tecniche di marketing utilizzate sono sofisticate e coinvolgenti, ad esempio attraverso le promozioni sui social e gli advergames, giochi online che contengono messaggi pubblicitari, senza dimenticare la geolocalizzazione. Queste tecniche consentono di raggiungere il target bambini in modo invasivo, evitando il controllo di mamma e papà.

Zsuzsanna Jakab, direttore regionale per l’Europa dell’Oms, spiega:

Troviamo spesso che i bambini, il gruppo più vulnerabile, sono esposti a un numero infinito di tecniche nascoste di digital marketing che promuovono alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sale. I genitori potrebbero non esserne a conoscenza e sottovalutare l’impatto nocivo del digital marketing, ma questo rapporto fa chiarezze sull’effetto di questo marketing sui nostri figli. È responsabilità dei politici riconoscere la nuova minaccia derivate dal digital marketing del cibo per i bambini e agire rapidamente.

Via | LaStampa

  • shares
  • Mail