La varicella nei bambini può essere un vero e proprio incubo, sia per i poveri piccoli che devono fare i conti con la malattia, sia per mamma e papà, che hanno il timore che, grattandosi, i bambini possano provocare delle cicatrici, causate dalla rottura delle crosticine che si formano dopo le pustoline. Come fare per evitare che i bambini debbano convivere per sempre con le cicatrici da varicella?

Si possono alleviare i fastidi dati dalle pustoline, come il prurito, con creme apposite che si possono comprare in farmacia e che, oltre ad alleviare il prurito, seccano prima i tipici segni della varicella. Molto utili anche le creme ricche di vitamina E, che svolge effetti riparatori sulla pelle e attenua i segni.

Non riscaldate troppo la casa, perché il calore aumenta il prurito: nella cameretta non ci devono mai essere più di 20 gradi. Un antistaminico potrebbe essere utile per alleviare il prurito. Sarebbe bene non lavare troppo i bambini durante la varicella, per garantire alle pustoline di seccarsi prima: meglio una doccia veloce, usando una sapone delicato. Tagliate spesso le unghie ai bambini, così che non possano fare danno grattandosi: mettete dei guantini ai bambini, così eviterete che, grattandosi, possano rompere le crosticine.

Disinfettate le vescicole con una garzina pulita e dell’acqua ossigenata, così da ridurre le vescicole: portate un po’ di pazienza, perché questo lavoro dovrà essere fatto su tutto il corpo. Evitate il talco mentolato, che una volta veniva consigliato, ma oggi no.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Salute Leggi tutto