Seguici su

Crescita

Lo sviluppo del bambino mese per mese nel primo anno di vita

I neonati crescono a vista d’occhio e non solo per altezza o peso: le tappe dello sviluppo del bambino, soprattutto nel primo anno di vita, lo portano a raggiungere sempre nuove conquiste. Scopriamo quali sono mese per mese dalla nascita allo spegnimento della prima candelina.

Lo sviluppo del bambino mese per mese nel primo anno di vita è davvero molto intenso: quando nasce le interazioni sono ridotte all’osso, ma ecco che già a partire dal secondo mese di vita qualcosa cambia. Le tappe di sviluppo del bambino lo portano a scoprire il mondo circostante, a farsi capire non solo con il pianto, a muoversi meglio e a giocare.

Ecco tutte le fasi dello sviluppo del bambino mese per mese fino al compimento del primo anno di vita:

Sviluppo del bambino: primo mese

Appena nato il bambino dorme 20 ore al giorno di media, non vede bene, ma percepisce persone e cose in movimento e luci fino a 20 centimetri. E’ sensibile a rumori e suoni, emette suoni gutturali, piange per attirare l’attenzione e per ogni sua necessità, per questo è bene sapere riconoscere e distinguere i vari pianti del neonato.

Sviluppo del bambino: secondo mese

A due mesi il bambino interagisce di più con i volti più famigliari, sorride a chi gli sorride, emette versi di gioia, gioca con le persone che riconosce e riconosce le voci di mamma e papà. Agita braccia e gambe. Comincia a tenere la testa eretta, segue i movimenti degli oggetti e il piccolo comincia ad esplorare di più il mondo che lo circonda.

Sviluppo del bambino: terzo mese

A tre mesi il bambino è molto più attivo, esplora il mondo con occhi, orecchi e bocca, comincia ad usare le mani ed è interessato a tutto. Ama sentire nuovi rumori, cominciano i gridolini e i primi vocalizzi, vuole giocare con le persone più famigliari. Prova sensibilità cutanea e si muove in tutte le direzioni, cominciando a girarsi anche di lato.

Sviluppo del bambino: quarto mese

Il neonato è molto più partecipativo, vuole essere parte attiva della famiglia in cui vive. Continua a vocalizzare e ad allenarsi con suoni nuovi, riesce a sorreggersi sulle braccia quando è a pancia in giù e riesce a girare la testa. Sa prendere gli oggetti, sa giocarci e li porta alla bocca. E’ questo il momento in cui comincia a puntare i piedi come se volesse già mettersi in piedi.

Sviluppo del bambino: quinto mese

E’ il periodo più intenso, quando il bambino gorgheggia ed emette suoni davvero particolari, riuscendo a ripetere qualche sillaba. Occhi e mani cominciano a coordinarsi e riesce a tenere bene un oggetto per volta in mano. E’ il momento in cui comincia a rotolarsi e il cambio del pannolino diventa un’impresa. Quando lo sorreggiamo appoggia le punte dei piedi come a stare eretto.

Sviluppo del bambino: sesto mese

A sei mesi comincia a riconoscere il nuovo e ad averne spesso paura: normale che pianga davanti ad un viso o un ambiente sconosciuti. Mani e occhi sono coordinati, sa capire da dove arriva un suono e imita i nostri cambiamenti di espressione. Sta seduto, non sempre ci riesce da solo.

Sviluppo del bambino: settimo mese

Tenendolo il neonato comincia a saltellare, mentre è questo il periodo nel quale inizia a gattonare. E’ molto attento a tutto quello che lo circonda e si volta se lo chiamate per nome. E’ in grado di bere dal biberon da solo e di mangiare piccoli pezzetti di cibo.

Sviluppo del bambino: ottavo mese

Riconosce le varie espressioni vocali delle persone a lui più vicine, riesce a interagire, anche se non alla perfezione, con un altro bambino, e imiterà tutto quello che fate. Vorrebbe tenere tutto in mano e il gattonamento in giro per casa diventa il suo sport preferito.

Sviluppo del bambino: nono mese

E’ curioso e vuole esplorare tutto, vede bene anche da lontano e comincia a tirare fuori il suo carattere, dimostrando preferenze e gusti. Il rumore è il suo gioco preferito, batte le mani, dice mamma e parole semplici come questa.

Sviluppo del bambino: decimo mese

A 10 mesi riesce a mangiare da solo, sporcando dappertutto, è curioso e anche un po’ pasticcione, perché vuole emulare i grandi non riuscendoci. Dice ciao con la mano e quando gioca con gli altri bambini capita che possa rubare loro i giochi. Molti bambini in questa fase cominciano ad alzarsi in piedi appoggiandosi ai mobili.

Sviluppo del bambino: undicesimo mese

Riconosce i comandi più semplici, riconosce i nomi degli oggetti e delle persone che gli sono maggiormente famigliari, gattona o comincia a fare qualche passetto da solo, solitamente uno o due prima di cadere rovinosamente al suolo. I gorgheggi si fanno sempre più complessi e comincia a dire qualche parolina in più, storpiata ovviamente.

Sviluppo del bambino: dodicesimo mese

Sta in piedi da solo, i primi passi aumentano, indica le cose che vuole con il dito, scarabocchia con le matite, ama guardarsi in torno da solo, ma senza mai perdere di vista mamma o papà. Mangia da solo, solitamente con le mani, anche se i tentativi di usare il cucchiaino possono essere molti e spesso disastrosi.

Via | Cosepercrescere

Leggi anche

bambina con le mani insaponate bambina con le mani insaponate
Scuola13 ore ago

Igiene e salute a scuola: insegnare le buone abitudini

L’igiene e la salute sono aspetti importanti, soprattutto per i bambini a scuola. L’igiene e la salute sono due aspetti...

donna che sorride donna che sorride
Scuola3 giorni ago

Gestire la routine mattutina: consigli per partire bene

Gestire la routine mattutina in modo efficace può fare la differenza nella qualità della giornata. La routine mattutina è un...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola5 giorni ago

Come affrontare l’ansia da separazione all’asilo

Ecco qualche strategia per affrontare l’ansia da separazione all’asilo. L’ansia da separazione è un problema comune che molti bambini affrontano...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola1 settimana ago

Prepararsi al primo giorno di scuola: una guida per le mamme

Il primo giorno di scuola è un momento emozionante e significativo nella vita di un bambino. Ecco come prepararsi! È...

mamma bambina libro mamma bambina libro
Scuola2 settimane ago

Incoraggiare la lettura a casa: consigli per i genitori

Leggere a casa può aiutare i bambini a sviluppare competenze linguistiche, cognitive e sociali. La lettura è un’attività fondamentale per...

mensa scolastica mensa scolastica
Scuola2 settimane ago

Intolleranze alimentari e mensa scolastica: una guida

Le intolleranze alimentari sono diventate sempre più comuni negli ultimi anni, ecco come affrontarle. Le intolleranze alimentari possono essere particolarmente...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 settimane ago

Il ruolo dei genitori nei compiti a casa: trovare un equilibrio

I compiti a casa sono una parte essenziale di ogni studente, ecco come trovare un equilibrio con i genitori. Svolgendo...

Studenti Studenti
Scuola2 settimane ago

Scegliere l’abbigliamento scolastico: comodità e stile

Scegliere l’abbigliamento scolastico giusto è una questione di equilibrio tra comodità e stile. L’abbigliamento scolastico è un aspetto importante della...

bullismo bullismo
Scuola3 settimane ago

Affrontare il bullismo a scuola: consigli per i genitori

In questo articolo, esploreremo alcuni consigli pratici per i genitori che desiderano affrontare il bullismo. Il bullismo è un problema...

bambino fa merenda bambino fa merenda
Scuola3 settimane ago

La merenda perfetta per la scuola: idee sane e gustose

La merenda perfetta per la scuola dovrebbe essere sana, gustosa e nutriente. Ecco qualche idea! La merenda è un momento...

Bambina a scuola Bambina a scuola
Scuola3 settimane ago

Navigare nella scelta della prima scuola: consigli per i genitori

La scelta della prima scuola per il proprio figlio è un processo importante, ecco qualche consiglio. La scelta della prima...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola4 settimane ago

La comunicazione efficace tra genitori e scuola

In questo articolo, esploreremo l’importanza della comunicazione tra genitori e scuola e forniremo suggerimenti su come migliorarla. La comunicazione efficace...