Seguici su

Cronaca

Bonus bebè 2013: come ottenerlo

Che cos’è il bonus bebé 2013? In che cosa consiste questo aiuto economico per le famiglie? E, soprattutto, come è possibile ottenerlo, quali requisiti bisogna avere per poter fare la domanda? Ecco tutte le risposte alle vostre domande.

Il Bonus bebè 2013 è un aiuto che lo stato ha voluto dare alle mamme al rientro dal loro congedo di maternità. Grazie al Decreto del Ministero del Lavoro, datato 22 dicembre 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 13 febbraio 2013, è stato istituito questo incentivo volto a dare un aiuto economico alle mamme che dovevano tornare a lavora.

Il Bonus bebè 2013 ha previsto lo stanziamento da parte dello stato di 60 milioni di euro, 20 milioni di euro per ogni anno dal 2013 al 2015, periodo di validità di questo incentivo. Bonus che altro non è che un buono pari a 300 euro al mese che la mamma e il papà possono spendere esclusivamente per pagare una baby sitter, che si prenda cura del piccolo quando i genitori sono al lavoro, o per pagare la retta di un asilo nido.

Chi fa i conti ogni giorno con le spese che una famiglia con bambini piccoli sa quanto in realtà questo bonus sia poca cosa rispetto alle reali esigenze: ma in tempi di crisi, è comunque un aiuto ben accetto, che purtroppo potrà risarcire solo una piccola fetta di popolazione. Il bonus bebè 2013 è stato previsto per le famiglie bisognose, con mamma e papà che dovevano tornare al lavoro e non potevano più accudire in prima persona, durante il giorno, il piccolo.

Il bonus bebè 2013 ha una durata massima di sei mesi e si può chiedere durante gli undici mesi dopo il rientro dal congedo di maternità: la richiesta è stata esclusivamente online, sul sito ell’Inps. Il bonus è previsto solamente per i bambini nati dopo il primo gennaio 2013 e può essere convertito direttamente in pagamento della retta dell’asilo nido o incassato per poter pagare la baby sitter o la tata.

Ma vediamo nel dettaglio come funziona il bonus bebè 2013.

Chi può usufruire del bonus bebè 2013? Tutte le mamme, anche le mamme adottive o affidatarie, che lavorano, sia come dipendenti sia con iscrizione alla gestione separata dell’INPS. Possono richiederlo anche le lavoratrici beneficiarie del diritto al congedo di maternità obbligatoria con data presunta del parto fissata entro il 10 novembre 2013. E, ancora, le lavoratrici che hanno già usufruito in parte del congedo parentale (il bonus può essere richiesto per i mesi non ancora usufruiti).

Che cos’è il bonus? Il bonus bebè 2013 è un contributo di 300 euro mensili, erogabili per un massimo di sei mesi e alternativi al congedo parentale. Le lavoratrici iscritte alla gestione separata potranno accedere al contributo per un massimo di tre mesi, mentre le donne con contratti part time avranno un bonus che dovrà tenere conto dell’effettiva quantità di lavoro effettuato.

Come usare il bonus? Il contributo si può usare pagando direttamente la struttura scelta, comunicando l’asilo nido presso il quale si è scelto di iscrivere il proprio cucciolo. Oppure si possono ottenere dei buoni lavoro, dei voucher che andranno ritirati presso la sede provinciale INPS di competenza per poter pagare direttamente la baby sitter o la tata.

Come presentare la domanda per il bonus bebè? Solamente online bisogna compilare un modulo, nel quale bisogna specificare se si opta per la baby sitter o per l’asilo nido. In quest’ultimo caso bisognerà indicare la struttura, che non è modificabile in seguito se non per una variazione di residenza o di sede di lavoro. Bisogna presentare all’INPS la dichiarazione ISEE della propria famiglia, per permettere di stilare una graduatoria.

Il bonus bebè 2013 è scaduto a luglio, mentre per i bonus bebè dei prossimi due anni, previsti dal decreto legge di cui sopra, bisognerà aspettare i nuovi bandi. Chiedete, però, informazione alla vostra regione, provincia o al vostro comune di appartenenza, per sapere se ci sono altre possibilità. In particolare noi vi segnaliamo:

Bonus Bebè 2013 nel Lazio
Bonus Bebè 2013 a Milano
Bonus Bebè 2013 nella Lombardia
Bonus Bebè 2013 nel Piemonte

Non dimentichiamo, poi, il Bonus Bebè 2013 per il terzo figlio, che si può richiedere entro gennaio 2014. I tre bambini devono essere minorenni e il reddito del nucleo famigliare non deve essere superiore ai 24.377,39 euro. La richiesta si può fare recandosi al proprio comune di residenza e chiedendo tutte le informazioni necessarie. Il bonus varia a seconda del reddito, ma solitamente si attesta intorno ai 300 euro mensili per 13 mensilità.

Leggi anche

bambini che giocano a calcio bambini che giocano a calcio
Scuola1 giorno ago

La gestione dell’orario extra scolastico: attività e riposo

In questo articolo, esploreremo l’importanza di una gestione equilibrata dell’orario extra scolastico. La gestione dell’orario extra scolastico è un aspetto...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 giorni ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola6 giorni ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola1 settimana ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola2 settimane ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola2 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola2 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola3 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...

bambino che disegna bambino che disegna
Scuola3 settimane ago

Strategie per incoraggiare la creatività nei bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per stimolare la creatività nei bambini. La creatività è una delle abilità più...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola3 settimane ago

Prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini

In questo articolo esploreremo alcune strategie per prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini. L’esaurimento scolastico è un problema che affligge molti...

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola4 settimane ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 settimane ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...