Seguici su

Cronaca

Bonus bebè 2014, le novità

Bonus bebè 2014 – In cosa consiste il congedo da parte del papà previsto per il Bonus Bebè 2014? Scopriamo tutti insieme i dettagli e come si può richiedere il congedo parentale, pagato dall’INPS anche alla figura paterna, nel caso la mamma non ne usufruisca.

Il Bonus Bebè 2014 offre un sostegno economico ai genitori che devono ritornare al lavoro dopo il congedo parentale obbligatorio. Proprio come il bonus bebè 2013, si tratta di un sostegno economico, pari a 300 euro al mese, che viene dato alle famiglie bisognose per poter pagare la retta dell’asilo nido del piccolo o la baby sitter che si prende cura dei cuccioli quando mamma e papà sono al lavoro.

Proprio come il bonus bebè 2013, anche l’aiuto economico per il 2014 è previso dal Decreto del Ministero del Lavoro del 22 dicembre del 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 13 febbraio 2013: il bonus avrà una durata di tre anni, dal 2013 al 2015, sotto forma di contributi economici per permettere alla madre di rientrare al lavoro dopo il congedo parentale obbligatorio.

Ma il bonus bebè 2014 prevede importanti novità anche per quello che riguarda il congedo obbligatorio e facoltativo da parte del padre. Se il papà è un lavoratore dipendente ne può fare richiesta entro il quinto mese di vita del piccolo, ma bisogna rispettare alcune regole ben precise.

Come chiedere il congedo di paternità? Il congedo obbligatorio per il papà, sia naturale, sia adottivo o affidatario, di un giorno è fruibile dal padre anche se la mamma usufruisce del congedo di maternità obbligatorio, mentre il congedo facoltativo dipende dalla scelta della mamma lavoratrice di non fruire di quei giorni, con anticipazio della fine del congedo di maternità obbligatorio.

A quanto ammonta il congedo? L’INPS paga l’indennità giornaliera pari al 100% della normale retribuzione, per tutti i giorni di congedo, sia quelli obbligatori sia quelli facoltativi.

Come fare la richiesta? La richiesta va fatta in forma scritta presso l’azienda, con riferimento ai giorni di congedo di cui si vuole fruire, con un preavviso di almeno 15 giorni. Se si richiede il congedo facoltativo, bisogna allegare la dichiarazione della mamma che rinuncia agli altrettanti giorni di congedo di maternità.

Via | Ticonsiglio

Leggi anche

bambino triste dopo un brutto voto a scuola bambino triste dopo un brutto voto a scuola
Scuola23 ore ago

Affrontare la pressione dei voti: consigli per genitori e bambini

Ecco alcuni consigli per genitori e bambini su come gestire la pressione dei voti. L’ansia da prestazione e la pressione...

bambino che sorride bambino che sorride
Scuola5 giorni ago

Il ruolo della musica nell’educazione dei bambini

Qual è il ruolo che la musica svolge nell’educazione dei bambini? Scopriamolo insieme. La musica ha un ruolo fondamentale nell’educazione...

Ragazza che pianifica la sua alimentazione Ragazza che pianifica la sua alimentazione
Scuola1 settimana ago

Alimentazione e apprendimento: consigli per una dieta equilibrata

Una dieta equilibrata è fondamentale per il nostro benessere generale e per la nostra capacità di apprendimento. L’alimentazione svolge un...

bambina con le mani insaponate bambina con le mani insaponate
Scuola1 settimana ago

Igiene e salute a scuola: insegnare le buone abitudini

L’igiene e la salute sono aspetti importanti, soprattutto per i bambini a scuola. L’igiene e la salute sono due aspetti...

donna che sorride donna che sorride
Scuola2 settimane ago

Gestire la routine mattutina: consigli per partire bene

Gestire la routine mattutina in modo efficace può fare la differenza nella qualità della giornata. La routine mattutina è un...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola2 settimane ago

Come affrontare l’ansia da separazione all’asilo

Ecco qualche strategia per affrontare l’ansia da separazione all’asilo. L’ansia da separazione è un problema comune che molti bambini affrontano...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola2 settimane ago

Prepararsi al primo giorno di scuola: una guida per le mamme

Il primo giorno di scuola è un momento emozionante e significativo nella vita di un bambino. Ecco come prepararsi! È...

mamma bambina libro mamma bambina libro
Scuola3 settimane ago

Incoraggiare la lettura a casa: consigli per i genitori

Leggere a casa può aiutare i bambini a sviluppare competenze linguistiche, cognitive e sociali. La lettura è un’attività fondamentale per...

mensa scolastica mensa scolastica
Scuola3 settimane ago

Intolleranze alimentari e mensa scolastica: una guida

Le intolleranze alimentari sono diventate sempre più comuni negli ultimi anni, ecco come affrontarle. Le intolleranze alimentari possono essere particolarmente...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola3 settimane ago

Il ruolo dei genitori nei compiti a casa: trovare un equilibrio

I compiti a casa sono una parte essenziale di ogni studente, ecco come trovare un equilibrio con i genitori. Svolgendo...

Studenti Studenti
Scuola4 settimane ago

Scegliere l’abbigliamento scolastico: comodità e stile

Scegliere l’abbigliamento scolastico giusto è una questione di equilibrio tra comodità e stile. L’abbigliamento scolastico è un aspetto importante della...

bullismo bullismo
Scuola4 settimane ago

Affrontare il bullismo a scuola: consigli per i genitori

In questo articolo, esploreremo alcuni consigli pratici per i genitori che desiderano affrontare il bullismo. Il bullismo è un problema...