Seguici su

Gravidanza

Clearance della creatinina in gravidanza, quando fare questo test

La clearance della creatinina è un esame importante per verificare la funzionalità renale. Vediamo quando è indicato in gravidanza e perché

Il test della clearance della creatinina è un esame specifico utile per verificare la funzionalità renale. In gravidanza può essere prescritto in caso di sospetta insufficienza renale. Ad esempio, in caso di future mamme monorene (con un rene solo), sia per nascita che per asportazione dell’organo, è sempre meglio verificare che l’unico rene funzioni al meglio anche attraverso test così specifici.

Il test viene effettuato in due step: esame delle urine e prelievo di sangue. Infatti con il primo si valuta la creatininnuria, ovvero la quantità di creatinina (un prodotto della fosfocreatina, sostanza presente nei muscoli, nelle ossa e nel cuore) nelle urine, che in genere è sempre costante.

Confrontando questo valore con la concentrazione della creatinina nel sangue (creatininemia), si ottiene la clearance della creatinina, ovvero la “misurazione” della capacità renale di filtrare questa sostanza. Tenendo conto che in gravidanza i valori ematici di creatinina nei primi mesi possono scendere un pochino per ragioni fisiologiche, si può però effettuare una valutazione abbastanza precisa sulla funzionalità renale. Nello specifico, se il test esprime un valore inferiore alla norma, ma superiore ai 30 ml/min, allora il problema è minimo, quando non fisiologico. Ma se i valori scendono sotto i 15 ml/min, allora l’insufficienza renale è grave tanto da richiedere la dialisi.

I valori normali, che indicano una funzionalità renale ottimale, si situano tra i 75 e i 125 ml/min. Tuttavia, e questo è molto importate, durante la gravidanza avanzata i valori dei clearance della creatinina aumentano in una percentuale che va dal 40 al 65%, quindi i limiti indicati dal laboratorio di analisi vanno corretti al rialzo, e comunque sempre interpretatati dal ginecologo. Come anticipato, questo test si esegue in due tempi. Prima si effettua la raccolta delle urine nella 24 ore, e successivamente (dopo 24 ore), si procede al prelievo di sangue non a digiuno. Questo test può essere influenzato da molti fattori, tra cui l’aver compiuto sforzi fisici, quindi le future mamme devono cercare di stare a riposo nei giorni che precedono l’esame.

Foto| via Pinterest

Leggi anche

Ragazza che pianifica la sua alimentazione Ragazza che pianifica la sua alimentazione
Scuola1 giorno ago

Alimentazione e apprendimento: consigli per una dieta equilibrata

Una dieta equilibrata è fondamentale per il nostro benessere generale e per la nostra capacità di apprendimento. L’alimentazione svolge un...

bambina con le mani insaponate bambina con le mani insaponate
Scuola2 giorni ago

Igiene e salute a scuola: insegnare le buone abitudini

L’igiene e la salute sono aspetti importanti, soprattutto per i bambini a scuola. L’igiene e la salute sono due aspetti...

donna che sorride donna che sorride
Scuola5 giorni ago

Gestire la routine mattutina: consigli per partire bene

Gestire la routine mattutina in modo efficace può fare la differenza nella qualità della giornata. La routine mattutina è un...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola7 giorni ago

Come affrontare l’ansia da separazione all’asilo

Ecco qualche strategia per affrontare l’ansia da separazione all’asilo. L’ansia da separazione è un problema comune che molti bambini affrontano...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola1 settimana ago

Prepararsi al primo giorno di scuola: una guida per le mamme

Il primo giorno di scuola è un momento emozionante e significativo nella vita di un bambino. Ecco come prepararsi! È...

mamma bambina libro mamma bambina libro
Scuola2 settimane ago

Incoraggiare la lettura a casa: consigli per i genitori

Leggere a casa può aiutare i bambini a sviluppare competenze linguistiche, cognitive e sociali. La lettura è un’attività fondamentale per...

mensa scolastica mensa scolastica
Scuola2 settimane ago

Intolleranze alimentari e mensa scolastica: una guida

Le intolleranze alimentari sono diventate sempre più comuni negli ultimi anni, ecco come affrontarle. Le intolleranze alimentari possono essere particolarmente...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 settimane ago

Il ruolo dei genitori nei compiti a casa: trovare un equilibrio

I compiti a casa sono una parte essenziale di ogni studente, ecco come trovare un equilibrio con i genitori. Svolgendo...

Studenti Studenti
Scuola3 settimane ago

Scegliere l’abbigliamento scolastico: comodità e stile

Scegliere l’abbigliamento scolastico giusto è una questione di equilibrio tra comodità e stile. L’abbigliamento scolastico è un aspetto importante della...

bullismo bullismo
Scuola3 settimane ago

Affrontare il bullismo a scuola: consigli per i genitori

In questo articolo, esploreremo alcuni consigli pratici per i genitori che desiderano affrontare il bullismo. Il bullismo è un problema...

bambino fa merenda bambino fa merenda
Scuola3 settimane ago

La merenda perfetta per la scuola: idee sane e gustose

La merenda perfetta per la scuola dovrebbe essere sana, gustosa e nutriente. Ecco qualche idea! La merenda è un momento...

Bambina a scuola Bambina a scuola
Scuola4 settimane ago

Navigare nella scelta della prima scuola: consigli per i genitori

La scelta della prima scuola per il proprio figlio è un processo importante, ecco qualche consiglio. La scelta della prima...