Bambini che fumano: il 4% ha provato la sigaretta elettronica alle elementari

Bambini che fumano, un problema già alle scuole elementari : ecco cosa hanno scoperto gli esperti e quali sono i rischi per la salute

Quello dei bambini che fumano sembra un problema impensabile per tante persone, eppure non lo è affatto. Un recente studio condotto su 170.000 studenti italiani rivela infatti che già alle scuole elementari alcuni bambini iniziano ad avvicinarsi a questo pericolosissimo vizio.

Ad aprire le porte alle sigarette sembrano essere le cosiddette e-cig, ovvero le sigarette elettroniche, da molti considerate un “gioco” o un “passatempo” innocuo.

Secondo il nuovo sondaggio pubblicato dalla Società Italiana di Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI), dal 2012 al 2018 la prevalenza di adolescenti (15-19 anni) che ha fumato tabacco almeno una volta nella vita sarebbe scesa, tuttavia ad aumentare è stato il numero di giovani e giovanissimi che hanno provato a svapare almeno una volta (si è infatti passati da un 32,9% del 2012 al 52% nel 2018).

Un sondaggio condotto a Maggio 2021 dall’Istituto Superiore di Sanità rivela inoltre che il 43,4% dei ragazzi adolescenti ha provato le sigarette elettroniche già alle scuole medie, e un preoccupante 4,1% lo ha fatto già alle elementari.

Bambini che fumano la sigaretta elettronica: i rischi

© Foto di haiberliu da Pixabay

Ma quali sono gli effetti del fumo di sigaretta elettronica nei bambini e nei ragazzi? Molti adulti ritengono che questi dispositivi possano aiutare a smettere di fumare, e soprattutto pensano che facciano meno male rispetto alle normali sigarette. In realtà le e-cig contengono sostanze nocive per la salute.

Tra l’altro, le sigarette elettroniche – e più esattamente i liquidi al loro interno – sono disponibili in vari gusti, come frutta, menta, zucchero filato e caramella. Questi aromi non fanno che attirare i bambini, che concepiranno simili strumenti come dei “giochi” innocenti.

Ciò può aprire la strada al vizio del fumo, come spiega Maria Elisa Di Cicco, consigliera della Simri, che sottolinea come i ragazzi che hanno provato almeno una volta le sigarette elettroniche corrano un rischio 3-4 volte maggiore di cominciare a fumare le sigarette tradizionali.

via | Ansa