Se il bambino è troppo socievole con gli sconosciuti

Bambino troppo socievole con gli sconosciuti: come comportarsi? Ecco come affrontare la situazione e proteggere il proprio bambino

Se il tuo bambino è troppo socievole con le persone estranee e non mostra il minimo segno di paura o diffidenza nei confronti di chi non conosce, devi sapere che si tratta di un problema comune che interessa tanti genitori e figli! Mamme e papà di ogni parte del mondo hanno spesso paura che i propri figli possano fidarsi di persone sconosciute e potenzialmente malintenzionate.

Del resto, vedere il proprio bambino o la propria bambina che senza pensarci due volte salta in braccio a persone conosciute esattamente in quell’istante, o che magari prendono per mano degli adulti appena visti al parco, non ci fa di certo dormire sonni tranquilli, non sei d’accordo?

Ma come affrontare questa situazione senza spaventare il proprio bambino? E soprattutto, quando è effettivamente il caso di preoccuparsi e di prendere provvedimenti? In questo articolo vedremo cosa potrebbe fare il genitore di un bambino troppo, ma davvero troppo socievole, per non farsi prendere dall’ansia.

Bambino troppo socievole con gli sconosciuti, che fare?

In primo luogo, l’approccio migliore in una situazione del genere dipende molto dall’età del bambino. Se tuo figlio è ancora molto piccolo, il problema potrebbe essere relativamente più semplice da affrontare, dal momento che molto probabilmente si troverà in una fascia di età in cui è costantemente sotto il controllo di un adulto fidato (genitori, nonni, baby sitter, amici stretti).

Se il bambino è già più grande, ad esempio se ha 5 o 6 anni di età, la situazione potrebbe apparire più preoccupante, perché in quel caso il piccolo inizia a frequentare la scuola o va a casa degli amichetti.

Nonostante sia auspicabile un controllo totale durante le ore scolastiche, la prudenza non è mai troppa. Per questo motivo è molto importante che il tuo bambino comprenda quali sono i possibili rischi che derivano dal dare troppa confidenza agli sconosciuti.

Come affrontare il discorso?

Cercando sempre di non spaventare o traumatizzare il bambino, cerca di fargli comprendere perché è importante che presti attenzione alle persone che non conosce. Spiega a tuo figlio che, quando conosce persone nuove, deve sempre parlarne con la mamma e con il papà prima di dargli confidenza. Il bambino potrà (e dovrà) certamente avere delle interazioni con persone al di fuori della famiglia, ma i genitori devono sempre sapere di chi si tratta.

Probabilmente saranno necessarie lunghe discussioni, durante le quali dovrai mostrare tatto e sensibilità nel tentativo di spiegare a quali pericoli potrebbe andare incontro il tuo bambino.

Non pretendere che il piccolo abbia delle reazioni “da adulto”. I genitori e noi adulti in generale sappiamo che non bisogna dare confidenza a chiunque perché abbiamo accumulato esperienze e conoscenze durante la nostra vita.

Per i bambini si tratta di interazioni dettate dalla spensieratezza e dalla scoperta. Adotta quindi un approccio adeguato all’età del bambino. Cerca di sorvegliare i suoi comportamenti senza infondere un senso di ansia e panico verso il prossimo.

Foto di Free-Photos da Pixabay