Come celebrare la Giornata mondiale della gratitudine con i bambini

La gratitudine offre numerosi benefici anche ai bambini: ecco come celebrarla nella Giornata mondiale con alcune attività che possono sensibilizzarli.

Oggi, 21 settembre, ricorre la Giornata mondiale della gratitudine: per questo vogliamo consigliarti come trascorrerla e onorarla con i tuoi bambini. La Giornata della gratitudine è l’occasione perfetta per cittadini, organizzazioni e società in senso lato, di sperimentarne l’ampio significato. Un pizzico di gratitudine può fare molto: è importante che le persone si sentano apprezzate per tutto ciò che fanno.

Non solo: diversi studi in merito hanno dimostrato come praticare regolarmente gratitudine comporti benefici per la salute sia emotiva che fisica. Essa può aiutarci a riformulare la nostra prospettiva. Insomma, non hai scuse: è ora di fare  familiarizzare i tuoi figli con tale nobile sentimento, ecco i nostri consigli a riguardo.

5 modi per celebrare la Giornata mondiale della gratitudine con i bambini

Come praticare la gratitudine con i bambini

La pratica familiare della gratitudine non solo insegna ai bambini la capacità di evocare emozioni positive nella propria vita, ma costruisce anche legami più profondi all’interno dell’unità familiare e sociale. Ecco alcune attività alle quale potete dedicarvi oggi così come in qualsiasi giorno dell’anno.

Barattolo/diario della gratitudine familiare

Prendi un barattolo di vetro abbastanza grande e dai inizio all’abitudine di annotare su un foglietto di carta (con tanto di data) giorno per giorno, un aneddoto o una cosa per la quale tu o i tuoi bambini siete grati. A questo punto inseriscilo nel barattolo e fai  lo stesso anche il giorno successivo e quello dopo ancora. Alla fine dell’anno sarà bello dedicare un po’ di tempo a leggere tutte le esperienze per le quali la tua famiglia è stata grata.

Cestino della gratitudine

Si tratta di un’antica usanza dei primi coloni europei in America e consiste nel riempire piccoli cestini di fiori e
dolcetti e nel lasciarli sulla soglia di casa di un vicino. Perché non farlo con i vostri? Lasciate loro un cestino dell’amicizia pieno di prelibatezze, magari fatte insieme ai piccoli di casa, da arricchire con piccoli pensierini, anche solo un biglietto.

Lista di gratitudine

Questa è una di quelle attività che puoi fare di tanto in tanto, specie quando i bimbi sono scoraggiati. Parla con i tuoi figli delle cose per le quali sono grati e create una lista che possano leggere tutte le volte nelle quali si sentono giù, pensano di non avere abbastanza e così via. Acquisteranno una nuova prospettiva.

Meditazione di gratitudine

Perché non prendervi del tempo, anche solo qualche minuto, da dedicare alla meditazione con focus sulle cose per le quali provate gratitudine? Se la meditazione è guidata, puoi aiutare i bimbi a dirigere i loro pensieri nella giusta direzione. Alla fine sarà bello condividere i vostri diversi punti di vista.

Foto di Prawny da Pixabay e di Prawny da Pixabay