Seguici su

Salute e benessere

Depressione post parto: cause, fattori di rischio e prevenzione

Quali sono le cause della depressione post parto? E come uscirne? Scopri tutto ciò che devi sapere su questa condizione

Depressione post parto

Come capire se si soffre di depressione post parto? E soprattutto, come uscirne? La depressione post partum è un problema che accomuna molte donne, e anche tanti uomini. L’arrivo di un bambino in casa può infatti essere accompagnato da una miriade di emozioni: gioia, ansia, paura, felicità e curiosità. In alcuni casi, la nascita di un bambino può però innescare una serie di sintomi spiacevoli.

Prima di parlare dei campanelli d’allarme e dei rimedi per combattere la depressione post parto, vogliamo però rassicurarti: questa condizione non colpisce le donne deboli, e non c’è nulla che non vada in te. La depressione è un problema che può colpire chiunque, ma con il giusto sostegno può essere superata.

Scopriamo a questo punto quali sono i sintomi della depressione post-partum, le possibili cause e in che modo questo problema è collegato (anche) alla pandemia di Covid.

I sintomi

I segni di questa condizione possono variare da persona a persona, e possono essere lievi o molto gravi. Come abbiamo accennato, a soffrirne non sono solamente le neomamme, ma anche i papà. Naturalmente il fenomeno colpisce però in misura maggiore le donne.

I primi sintomi della depressione post-parto possono essere facilmente scambiati per quelli del cosiddetto baby blues (un problema comune a tante neomamme, che possono manifestare disturbi come sbalzi d’umore, ansia, tristezza e irritabilità). In realtà il baby blues tende a sparire nell’arco di qualche settimana, mentre la depressione continua a manifestarsi anche a distanza di mesi dalla nascita del bambino.

I sintomi più frequenti sono:

  • Umore depresso
  • Sbalzi d’umore
  • Pianto eccessivo
  • Difficoltà a creare un legame con il bambino
  • Tendenza a isolarsi
  • Mancanza di appetito o fame eccessiva
  • Insonnia o tendenza a dormire troppo
  • Paura di non essere una brava mamma
  • Senso di inutilità e senso di colpa
  • Difficoltà di concentrazione
  • Ansia e attacchi di panico
  • Paura di fare del male a se stesse o al bambino.

Se non trattati, i sintomi della depressione dopo la nascita del figlio possono durare anche più di alcuni mesi, per cui è fondamentale che tu ti rivolga a una psicologa se avverti simili disturbi.

Perché si ha la depressione post partum?

Come abbiamo visto, la depressione post-partum interessa sia le mamme che i papà. A causare questo tipo di disturbi possono essere cause fisiche ed emotive, o anche sconvolgimenti come quello che stiamo affrontando in questo periodo di emergenza.

Fra le cause fisiche della depressione vi è il calo di estrogeni e progesterone che si registra nelle donne dopo il parto. Per quanto riguarda gli aspetti emotivi, lo stress, la mancanza di sonno, l’incapacità di accettare i cambiamenti del proprio corpo, la paura di non riuscire a fare abbastanza, sono tutti fattori che possono innescare lo sviluppo della depressione nelle neo-mamme.

Depressione post partum e covid sono collegate?

In qualche modo, anche la pandemia ha fatto aumentare i casi di depressione post-natale nelle neomamme e nei neopapà. La ragione di tutto ciò è semplice: durante il lockdown i nei-genitori hanno trascorso molto tempo in casa, isolati dai propri cari (amici e parenti).

Ciò ha gravato sensibilmente sulla salute mentale di tante mamme e tanti papà, facendo aumentare di conseguenza i casi di depressione dopo la nascita del bambino.

Come si esce dalla depressione post parto?

La depressione post-partum non deve essere sottovalutata o ignorata, poiché non solo danneggia il benessere mentale di chi ne soffre (il che è già un motivo più che valido per chiedere supporto e aiuto), ma influenza negativamente anche la salute del bambino, il legame genitore-figlio e il benessere dell’intera famiglia.

Per prevenire un simile problema, è fondamentale non trascurare i campanelli d’allarme e chiedere aiuto. Sarà importante adottare delle scelte di vita salutari, come svolgere attività fisica, avere delle relazioni sociali sane, prendersi del tempo per sé e chiedere aiuto ad amici e parenti per la gestione degli impegni.

Se avverti i sintomi che ti abbiamo appena elencato, rivolgiti a una psicologa per identificare la causa del problema e superare questo difficile periodo.

Via | Mayoclinic

Leggi anche

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola18 ore ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola3 giorni ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori4 giorni ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola5 giorni ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola1 settimana ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola1 settimana ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola2 settimane ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli2 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola2 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola3 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola4 settimane ago

Sostegno per i bambini con difficoltà di apprendimento

I bambini con difficoltà di apprendimento possono affrontare sfide uniche nel loro percorso educativo. L’apprendimento è un processo fondamentale nella...