Seguici su

Salute e benessere

Ictus cerebrale nei bambini: quali sono i campanelli d’allarme?

mamma bambino

Come riconoscere l’ictus cerebrale nei bambini? Vediamo quali sono i campanelli d’allarme da non sottovalutare e come comportarsi.

L’ictus cerebrale può colpire anche i bambini. Così come negli adulti, si verifica quando un piccolo grume di sangue ostruisce il vaso sanguigno oppure quando uno di questi vasi si rompe. Vediamo come riconoscerlo e quali sono i sintomi da non sottovalutare.

Ictus cerebrale nei bambini: come riconoscerlo

Anche se l’ictus cerebrale è piuttosto raro nei bambini dai 0 ai 18 anni, è una problematica che può verificarsi. Addirittura, può colpire il neonato anche prima della nascita. A seconda della fascia d’età in cui si verifica, si indica con un nome diverso:

  • ictus perinatale: quando si manifesta nelle ultime 18 settimane di gravidanza fino ai primi 30 giorni di vita del bimbo;
  • neonatale: se avviene entro il primo mese di vita del bebè;
  • pediatrico: quando si manifesta tra il primo mese di vita e i 18 anni;
  • giovanile: se avviene tra i 18 e i 35 anni.

La Società Italiana di Pediatria ha sottolineato che l’ictus cerebrale si verifica quando un piccolo grumo di sangue ostruisce un vaso sanguigno cerebrale (ictus ischemico) oppure quando uno di questi vasi si rompe (ictus emorragico). Questo significa che per un lasso di tempo il sangue non arriva al cervello e, di conseguenza, le cellule muoiono. I danni possono essere più o meno gravi, provocando invalidità di gradi diversi.

E’ fondamentale, quindi, ricevere una diagnosi tempestiva, in modo da limitare il più possibile l’insorgere di gravi problematiche. I sintomi da non sottovalutare sono chiari: febbre alta, convulsioni, paralisi di una parte o metà del corpo, vomito a getto, mal di testa improvviso, problemi di deambulazione, della parola e della vista e coma.

neonato parto mamma ospedale

Ictus cerebrale nei bambini: come si cura?

Generalmente, ci sono alcuni fattori di rischio che possono causare ictus cerebrale, quali: malattie cardiache congenite o acquisite, anomalie congenite delle pareti dei vasi o della coagulazione del sangue. In caso di manifestazione perinatale, poi, si devono aggiungere: disordini nel funzionamento della placenta, parto prematuro, alterazioni della coagulazione o malattie autoimmuni nella mamma, ipoglicemia o infezioni e complicazioni durante il parto. In caso di ictus giovanile, invece, bisogna tenere conto di: traumi alla testa, patologie autoimmuni, infezioni, leucemia e tumori.

Come già sottolineato, un intervento precoce può fare la differenza. Pertanto, ai primi sintomi è consigliato correre in ospedale. E’ bene sottolineare che in Italia c’è l’associazione Fight the Stroke, nata nel 2014, e presso l’Ospedale Gaslini di Genova c’è il Centro Stroke Neonatale e Pediatrico, che si occupa di diagnosi, ricerca e assistenza a neonati e bambini colpiti dall’ictus.

Leggi anche

donna che sorride donna che sorride
Scuola2 giorni ago

Gestire la routine mattutina: consigli per partire bene

Gestire la routine mattutina in modo efficace può fare la differenza nella qualità della giornata. La routine mattutina è un...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola4 giorni ago

Come affrontare l’ansia da separazione all’asilo

Ecco qualche strategia per affrontare l’ansia da separazione all’asilo. L’ansia da separazione è un problema comune che molti bambini affrontano...

mamma e figlia mamma e figlia
Scuola1 settimana ago

Prepararsi al primo giorno di scuola: una guida per le mamme

Il primo giorno di scuola è un momento emozionante e significativo nella vita di un bambino. Ecco come prepararsi! È...

mamma bambina libro mamma bambina libro
Scuola1 settimana ago

Incoraggiare la lettura a casa: consigli per i genitori

Leggere a casa può aiutare i bambini a sviluppare competenze linguistiche, cognitive e sociali. La lettura è un’attività fondamentale per...

mensa scolastica mensa scolastica
Scuola2 settimane ago

Intolleranze alimentari e mensa scolastica: una guida

Le intolleranze alimentari sono diventate sempre più comuni negli ultimi anni, ecco come affrontarle. Le intolleranze alimentari possono essere particolarmente...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 settimane ago

Il ruolo dei genitori nei compiti a casa: trovare un equilibrio

I compiti a casa sono una parte essenziale di ogni studente, ecco come trovare un equilibrio con i genitori. Svolgendo...

Studenti Studenti
Scuola2 settimane ago

Scegliere l’abbigliamento scolastico: comodità e stile

Scegliere l’abbigliamento scolastico giusto è una questione di equilibrio tra comodità e stile. L’abbigliamento scolastico è un aspetto importante della...

bullismo bullismo
Scuola3 settimane ago

Affrontare il bullismo a scuola: consigli per i genitori

In questo articolo, esploreremo alcuni consigli pratici per i genitori che desiderano affrontare il bullismo. Il bullismo è un problema...

bambino fa merenda bambino fa merenda
Scuola3 settimane ago

La merenda perfetta per la scuola: idee sane e gustose

La merenda perfetta per la scuola dovrebbe essere sana, gustosa e nutriente. Ecco qualche idea! La merenda è un momento...

Bambina a scuola Bambina a scuola
Scuola3 settimane ago

Navigare nella scelta della prima scuola: consigli per i genitori

La scelta della prima scuola per il proprio figlio è un processo importante, ecco qualche consiglio. La scelta della prima...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola4 settimane ago

La comunicazione efficace tra genitori e scuola

In questo articolo, esploreremo l’importanza della comunicazione tra genitori e scuola e forniremo suggerimenti su come migliorarla. La comunicazione efficace...

Ragazza che studia al computer Ragazza che studia al computer
Scuola4 settimane ago

Organizzare lo studio a casa: tecniche e consigli

Organizzare lo studio a casa richiede pianificazione e adozione di tecniche efficaci. Ecco qualche consiglio! Organizzare lo studio a casa...