Obesità infantile, i bambini mangiano troppi carboidrati?

L’obesità infantile è un problema molto diffuso, in Italia i bambini mangiano troppi carboidrati come pane, pasta e pizza

L’obesità infantile è un problema che riguarda tanti bambini e tante famiglie, ancora oggi si crede che i bambini paffutelli stanno benissimo, ma non sempre è così. Prima di tutto sarebbe interessante capire cosa si intende con il termine “paffutello” perché, a volte, dietro ci sono sovrappeso e obesità.

Secondo gli ultimi dati, in Italia un bambino su 5 è in sovrappeso e più di uno su 10 è obeso. Il problema non è tanto essere paffuto, avere la pancetta o essere poco agile, ma scardinare prima possibile quello che fa ingrassare. Questo non vuol dire mettere i bambini a dieta stretta ma seguire, tutta la famiglia, un’alimentazione corretta.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sottolineato il fatto che non è solo il cibo spazzatura a far ingrassare, in Italia non è così diffuso da essere il pasto giornaliero dei bambini. Nel nostro paese c’è un consumo eccessivo di alimenti come pane, pasta, pizza e patate che vanno a sbilanciare gli altri alimenti.

Obesità infantile

Obesità infantile

I bimbi, al pari degli adolescenti e degli adulti, devono mangiare i carboidrati, ma anche le proteine, le verdure e la frutta. Quello che invece accade è che dato che i bimbi fanno i capricci con carne o pesce, si “accontentano” con pasta o panini, per farli mangiare. I troppi carboidrati vanno a sbilanciare il fabbisogno giornaliero e quindi si finisce per ingrassare.

Un altro problema è che magari i bambini non mangiano le verdure e quindi dopo il secondo hanno ancora fame, e gli si offrono panini, merendine e dolci per completare il pasto.

Imparare a mangiare bene da piccoli ci aiuta a farlo anche da adulti, il nostro corpo va “educato” per evitare scompensi metabolici e abitudini difficili da scardinare. Un bambino sovrappeso diventerà, probabilmente, un adulto sovrappeso o obeso e questo non può che essere dannoso per la sua salute.