Stare in mezzo agli alberi fa bene al cervello dei ragazzi

Alberi fanno bene al cervello dei bambini, una ricerca condotta dall’University College London ha dimostrato che aiutano la salute mentale

La natura, gli alberi e i boschi fanno bene a tutte le età, sono una medicina naturale e ci aiutano a sentire il legame forte che c’è tra noi e il pianeta. I neuroni del cervello dei bambini si ramifichino come gli alberi man mano che crescono, fanno esperienze e imparano a conoscere il mondo. Il legame tra gli alberi e i bambini, in effetti, è molto intenso e non è solo un modo di dire.

Una ricerca ha dimostrato che stare in mezzo alla natura fa bene al cervello dei ragazzi dei bambini, un ”bene” a tutto tondo che li aiuta in ogni aspetto della loro vita.

Lo studio è stato condotto per un lunghissimo periodo dai ricercatori dell’University College London su un campione di 3.568 studenti di età compresa tra 9 e 15 anni. I dati hanno rivelato che i ragazzi che sono cresciuti tra gli alberi e a contatto con la natura stavano meglio. Avevano delle prestazioni cognitive migliori e una salute mentale più stabile e duratura durante la crescita.

Gli alberi fanno bene al cervello dei bambini

Alberi fanno bene al cervello dei bambini

Gli alberi riescono a regalare serenità e calma e hanno un potere rigenerante più spiccato rispetto ad altri ambienti naturali come laghi, mare o fiumi. Gli alberi che si trovano nei parchi cittadini e negli spazi verdi urbani possono davvero fare la differenza. Pare che vivere con alberi intorno alla propria abitazione contribuisca ad abbassare il rischio di problemi di salute mentale.

Magari un albero da solo non può fare tanto ma trovare una casa con un po’ di verde e vivere tenendo conto di queste cose può solo fare bene, ai bambini e agli adulti. Ovviamente si può sempre compensare la poca presenza di alberi con delle passeggiate in montagna, gite ed escursioni per stare davvero a contatto con la natura.

I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno dichiarato:

“Questi risultati suggeriscono che non tutti i tipi di ambiente naturale possono contribuire allo stesso modo a questi benefici per la salute”.

Foto | Pixabay