Seguici su

Cronaca

Bifiderm e la dermatite atopica

La dermatite atopica (DA) è una delle più comuni malattie infiammatorie della pelle e colpisce spesso e volentieri i bambini e i lattanti.


I sintomi della dermatite atopica si riconoscono facilmente perché si manifestano con l’eruzione di eritemi simili agli eczemi, arrossati e caratterizzati da desquamazione. Inizialmente queste lesioni compaiono sul visetto del piccolo – soprattutto sulle guance e sul mento – per poi estendersi anche ad altre zone della cute come le pieghe dell’inguine, dei gomiti e delle ginocchia, oltre che sulle mani e sui piedi. La pelle del bambino appare inoltre molto secca e, soprattutto, pruriginosa. Potremmo dire che il primo e principale sintomo della dermatite atopica nel neonato e nel bambino è proprio il prurito, molto intenso, che si acuisce nelle ore serali. Il piccolo, grattandosi, finisce per aggravare le lesioni, estendendo l’infezione, senza peraltro ottenere sollievo. Sebbene molto comune, la DA è una patologia ancora in parte sconosciuta, nel senso che non se ne conoscono tutte le cause.

Sappiamo che la dermatite atopica si accompagna spesso a forme allergiche e autoimmuni, dal momento che molti bambini colpiti da DA presentano altri sintomi associati, come asma o disturbi gastroenterici, tipici delle reazioni degli anticorpi contro un allergene. La DA è una malattia cronica, si manifesta più facilmente nell’infanzia, per poi attenuarsi fin quasi a scomparire durante l’adolescenza. Basta però un fattore scatenante o un periodo di stress in età adulta per veder ricomparire gli eczemi pruriginosi.

[img src=”https://media.bebeblog.it/c/c4e/ConfezioneBifiderm.jpg” alt=”ConfezioneBifiderm” height=”125″ title=”ConfezioneBifiderm” class=”alignleft size-thumb_220x125 220×125 wp-image-113379″]

Quali sono i rimedi? La malattia non guarisce mai completamente, ma i sintomi si possono alleviare, e soprattutto si può tentare di agire sul sistema immunitario alterato ricreando un equilibrio interno a livello di flora batterica intestinale (microbiota). Uno dei rimedi forse più efficaci per combattere la DA, infatti, è quello di agire dall’interno sulla flora intestinale. A tale scopo sembrano sortire ottimi effetti rinforzanti e preventivi i probiotici. Si tratta di integratori alimentari a base di lattobacilli e batteri benefici che, una volta ingeriti, arrivano intatti e vivi, nell’intestino del piccolo, e qui si ambientano e proliferano, creando delle colonie.

Bifiderm*, ad esempio, con i suoi 2 miliardi di microrganismi probiotici attivi (Bifidobacterium breve BR03 (DSM 16604) e Lactobacillus salivarius LS01 (DSM 22775)), è in grado di ripristinare in modo ottimale la flora intestinale del bambino. La dose giornaliera di questo prodotto farmaceutico del tutto naturale e privo di allergeni è di 2 bustine al giorno, da assumersi a digiuno (al mattino appena svegli e la sera prima della nanna) con poca acqua.

Ci sono poi delle buone abitudini igieniche e comportamentali che possono attenuare i disturbi provocati dalla DA. Ad esempio, la pelle del bimbo deve sempre essere mantenuta asciutta, idratata e morbida, per ridurre la tendenza alla secchezza (che accentua il prurito); per questo è bene applicare, dopo il bagnetto (in acqua tepida e con detergenti naturali), una buona crema emolliente. Inoltre, per evitare che il piccolo si gratti furiosamente, si può spruzzare sulla cute lesionata uno spray all’acqua termale con effetto lenitivo e rinfrescante. Onde evitare che gli acari della polvere possano contribuire ad accentuare la dermatite, bisogna arieggiare la cameretta del piccolo, usare biancheria di cotone anti allergica (inclusi materassi e cuscini), ridurre al minimo i possibili ricettacoli di sporcizia come moquette, tappeti, peluche, ecc.
Prima di intentare qualunque rimedio fai da te, per la prescrizione di pomate farmacologiche adatte a ridurre gli eczemi e alleviare i sintomi associati si consiglia sempre di rivolgersi oltre che al proprio pediatra, a un bravo dermatologo.

*Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Leggere attentamente le avvertenze e le modalità d’uso.

Iniziativa realizzata in collaborazione con Bayer S.p.A.

Leggi anche

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola8 ore ago

Prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini

In questo articolo esploreremo alcune strategie per prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini. L’esaurimento scolastico è un problema che affligge molti...

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola3 giorni ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola5 giorni ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori6 giorni ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola1 settimana ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola1 settimana ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola2 settimane ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola2 settimane ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli3 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola3 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola4 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...