Le fasi della pubertà femminile: la preadolescenza delle bambine

Lo sviluppo puberale delle bambine è una fase delicatissima della loro vita. Vediamo quali sono i sintomi della prima tappa del percorso: la preadolescenza

La prima fase dello sviluppo puberale delle bambine, con tutte le sue modifiche fisiche e psicologiche, viene definita preadolescenza. Si tratta di quegli anni delicati ma molto belli, in cui la bambina si trova esattamente nella soglia di mezzo tra infanzia e adolescenza, avendo della prima ancora la "testa", e della seconda cominciando ad assumerne l'aspetto.

Le bimbe italiane (secondo dati recenti) entrano nella pubertà che le porterà, nel giro di circa un anno/anno e mezzo, all'arrivo del menarca (la prima mestruazione), intorno ai 10 anni e mezzo, ma questa fase può essere anticipata fino agli 8 anni, o posticipata dopo gli 11.

Preadolescenza-bambine

Cosa avviene nel corpo delle bambine nella preadolescenza? Accade che le ghiandole endocrine cominciano a produrre gli ormoni sessuali (le gonadotropine), che a loro volta stimolano la maturazione dei caratteri sessuali secondari ma anche lo sviluppo in altezza e quello muscolare. Le bimbe, però cominciano a manifestare i primi segnali fisici di questo risveglio in modo caratteristico.

Per prima cosa si noterà il cosiddetto rigonfiamento del bottone mammario (ovvero l'areola del capezzolo diventerà più rilevata e scura), seguito a ruota dalla comparsa dei primissimi peli pubici, in genere di colore chiaro e sottili. Affinché "scatti" questo meccanismo fisiologico, però, è necessario che le bambine abbiano raggiunto un certo peso, perché serve un ormone proteico, la leptina, prodotto dalle cellule adipose.

Le bimbe troppo magre, infatti, spesso sviluppano più tardi rispetto a quelle più in carne. Queste modifiche fisiche sono associate anche ad un cambiamento psicologico, che ancora non sarà quello tipico della piena adolescenza, ma che comunque e un genitore accorto noterà.

Le bimbe preadolescenti sono sempre molto chiacchierone e vitali, stanno spesso in gruppo con le amichette, manifestano interesse per il trucco e per la moda, hanno i loro cantanti preferiti e sono gelose della propria privacy, ma hanno ancora tanto bisogno di mamma e papà, che servono loro da punto di riferimento e da ancora di sicurezza.

Tra la fine della scuola primaria e i primi anni delle medie, che sono proprio quelli cruciali dello sviluppo puberale, le bimbe si osservano molto tra di loro, perché hanno bisogno di rassicurarsi a proposito del loro aspetto fisico e dei tempi del loro sviluppo, un ritardo di questo può, infatti, gettarle nel panico perché si sentiranno diverse rispetto alle coetanee già formate.

Ma i problemi a cui vanno incontro le bambine in questa fase sono complessi e hanno molto a che vedere con il peso delle aspettative (spesso irrealistiche), che i media proiettano sulle ragazze di questa età. Esse di identificano con modelli irraggiungibili, sovente artefatti, e questo può minare la loro autostima.

Compito dei genitori è quello di stare vicine alle loro figlie, rassicurandole anche sul loro aspetto, presentando loro dei modelli sani, facendo praticare attività sportiva che le aiuti a svilupparsi armoniosamente dal punto di vista fisico (cosa che ridurrà i complessi), e proponendo strumenti idonei a capire ciò che sta accadendo al loro corpo. Libri, film, documentari, tutto può essere utile ad aiutare le bimbe nel loro faticoso, ma esaltante, percorso di crescita.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail