Seguici su

Sicurezza bambini

Insegnare ai bambini a nuotare divertendosi

Ecco come insegnare ai nostri bimbi a nuotare in modo facile e divertente per loro

Sebbene l’acqua sia un elemento molto familiare ai bambini piccoli, dal momento che i loro primi nove mesi di vita li hanno trascorsi immersi nel liquido amniotico materno, una volta nati e trascorso qualche anno di vita, devono di nuovo prendere confidenza con questo elemento.

In particolare l’acqua del mare, con le sue onde, le correnti e la profondità, possono spaventarli e generare una vera e propria fobia dell’acqua. Eppure insegnare a nuotare ai bambini non è affatto difficile, soprattutto se lo si fa insieme con mamma o papà, e se il tutto viene presentato come un gran bel gioco. Del resto cosa c’è di più piacevole che sguazzare nell’acqua per un bambino?

Per insegnare ad un bambino piccolo, l’età ideale si situa tra i 2 e i 4 anni, a nuotare, non c’è per forza bisogno di iscriverli in piscina, a meno che non abbiate la possibilità di andare al mare e se anche voi genitori non abbiate tanta dimestichezza con l’acqua. In questo caso vanno benissimo i corsi di nuoto con gli istruttori che sanno fare benissimo il loro lavoro, ma se voi siete dei bravi nuotatori, potete svolgere tranquillamente il ruolo degli insegnanti.

Un bimbo piccolo va portato in una zona di mare, o in una piscina pubblica, dove l’acqua sia molto bassa, dove si veda bene il fondo, e dove ci siano altri bambini che nuotano e giocano. In questo modo il piccolo si sentirà incentivato ad entrare e divertirsi anche lui, soprattutto e ci siete voi che gli date fiducia. Munitelo di braccioli, entrate in acqua con lui e ponetegli delicatamente la mano sotto la pancia per tenerlo a pelo dell’acqua e in modo che la testa sia sollevata.

A quel punto fatelo sguazzare, ma solo se vedete che il bambino non fa resistenza e non ha paura. Fategli sentire che l’elemento in cui si trova è del tutto sicuro, che ci siete voi a mantenerlo. Quando avrà voglia di entrare in acqua da solo munitelo di salvagente e fategli vedere i movimenti delle bracciate guidandolo, tanto grazie alla ciambella non affonderà e si sentirà sicuro di provare. Ponetevi ad un metro o poco più di distanza, allungate le braccia e invitatelo a raggiungervi.

Il tutto deve essere molto divertente e soprattutto non fategli fare esercizi per troppo tempo. Quando vedete che non ha più voglia magari state con lui sulla battigia a fare castelli di sabbia. E’ importante, se il bambino ha paura dell’acqua, aiutarlo a familiarizzare entrando in contatto con l’elemento liquido per gradi, sempre munito di ciambella e braccioli per sua sicurezza.

Quando il bambino si sentirà davvero tranquillo e avrà sperimentato quanto sia divertente e piacevole stare in acqua, allora userà tutte le nozioni che gli avete insegnato e inizierà a nuotare da solo. Sarà un bel momento sia per lui che per voi! Non importa la tecnica, inizialmente è importante solo che si tenga a galla e riesca a muoversi, il resto verrà con tempo.
Foto| via Pinterest

Come insegnare a nuotare ai bambini

Pubblicato il 6 agosto 2014 da Maria Vasta
E’ giunto il momento di insegnare a nuotare ai vostri bambini, ma non sapete proprio come fare? In primo luogo, bisogna evitare di essere apprensivi. Nuotare è una delle cose più naturali del mondo, per cui non fatevi vedere preoccupati o in ansia dai vostri bambini, perché così non fareste altro che trasmettere a loro le vostre preoccupazioni. I bambini sono temerari, amano scoprire cose nuove, amano fare nuove esperienze e soprattutto, amano divertirsi, quindi, per insegnare loro a nuotare bisognerà approcciarsi a questa nuova avventura con un po’ di sano divertimento.

Detto ciò, il primissimo approccio con l’acqua avverrà dopo il quarto/quinto mese di vita. In questa fase, la mamma o il papà dovranno tenere in braccio il piccolo, rivolgendolo verso di sé, in modo che il bambino possa associare l’acqua ad una sensazione di stabilità e sicurezza, quella conferita appunto dal genitore.

Il bambino non dovrà assolutamente essere forzato o obbligato a stare in acqua. Fatelo familiarizzare con questo elemento in maniera graduale, prima con i piedini e poi pian piano con tutto il resto del corpo.

Soprattutto quando sono molto piccoli, evitate di far indossare salvagente o braccioli ai vostri piccoli, ma fate in modo che invece comincino ad eseguire i primi movimenti in acqua mentre li tenete saldamente in braccio. Fate loro muovere le braccia e le gambe in modo che comprendano quali sono i movimenti da fare per riuscire a nuotare.

insegnare a nuotare ai bambini

Inizialmente potreste insegnare al piccolo a galleggiare mantenendosi in posizione supina (facendo “il morto” insomma). In questo modo il bambino comincerà ad approcciarsi con questo nuovo elemento, e potrà farlo senza rischiare di finire con la faccia sott’acqua. Dopodiché, potrete insegnargli ad eseguire i movimenti dello stile libero, sempre reggendolo in modo che si senta sicuro.

Inizialmente il bambino nuoterà “a cagnolino”, ovvero muovendo solo le gambe e parte delle braccia. Finché non si sentirà sicuro, non forzatelo a cambiare “lo stile” della sua nuotata. Progressivamente potrete insegnargli a respirare in maniera corretta in acqua, soffiando fuori l’aria, in modo da evitare di bere l’acqua salata appunto. Pian piano sarà lo stesso bambino a mostrarsi più sicuro di sé, ed a voler nuotare in maniera più autonoma, migliorando anche il proprio stile.

Per quanto riguarda i supporti galleggianti, se lo riterrete necessario potreste far usare i braccioli al vostro bambino, in modo che possa avere una maggiore autonomia di movimento delle braccia.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Leggi anche

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola16 ore ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola3 giorni ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori3 giorni ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola5 giorni ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola1 settimana ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola1 settimana ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola2 settimane ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli2 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola2 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola3 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola4 settimane ago

Sostegno per i bambini con difficoltà di apprendimento

I bambini con difficoltà di apprendimento possono affrontare sfide uniche nel loro percorso educativo. L’apprendimento è un processo fondamentale nella...