Biancospino in gravidanza, per quali disturbi è consigliato?

In fitoterapia il biancospino è consigliato per combattere stati di ansia, disturbi del sonno e palpitazioni, ovvero disturbi che in gravidanza sono comuni. Ma questo rimedio naturale è adatto anche ad una donna incinta?

Il biancospino è una pianta conosciuta fin dai tempi più antichi per le sue proprietà blandamente sedative e regolatrici della pressione sanguigna tanto da essere definita "amica del cuore". Gli estratti di biancospino, fungono da regolatori della pressione, infatti, aiutano a ridurla quando sia troppo elevata, e ad innalzarla quando troppo bassa, ma sono efficaci anche in caso di tachicardia e palpitazioni, anche notturne.

Questi disturbi sono abbastanza comuni in gravidanza, ma una donna in dolce attesa che voglia riportare i valori pressori in equilibrio, o che voglia rallentare un battito troppo accelerato, può ricorrere alle proprietà calmanti e vasodilatatrici del biancospino?

Biancospino-gravidanza

Questa pianta, infatti, migliora la circolazione sanguigna e la tonicità del muscolo cardiaco e dei vasi, e in questo senso è molto efficace in chi abbia blandi disturbi cardiocircolatori legati, in caso di gravidanza, all'affaticamento dell'organismo e all'effetto degli ormoni. Assumere biancospino - poi, è un buon modo per calmare un sistema nervoso ipereccitato, per facilitare il sonno (non a caso troviamo questo estratto anche nelle comuni tisane per dormire), per ridurre i livelli di ansia.

Anche in questo caso stiamo parlando di disturbi abbastanza comuni in gravidanza. Il biancospino per regolare la circolazione e migliorare l'attività e il tono cardiaco si assume in capsule di estratto secco in una dose variabile da due a sei al giorno.

Come ansiolitico e sonnifero naturale, si può invece assumere sotto forma di tisana mezzora prima di andare a dormire. In gravidanza non sono noti particolari effetti nocivi sul bambino, ma dal momento che non sono stati effettuati studi specifici non è al momento consigliato assumere le casule senza il via libera del medico.

In linea di massima, anche seguendo la cura, è meglio attenersi alle dosi più basse da non assumersi per lunghi periodi, mentre per quanto riguarda la tisana, che ha un effetto meno forte, non dovrebbero esserci controindicazioni. Tuttavia, è sempre e comunque meglio, prima di assumere qualunque rimedio naturale fitoterapico in gravidanza, interpellare il proprio medico di base o, meglio ancora, il ginecologo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail