Seguici su

Cronaca

Mamme da legare: Le lunghe telefonate (finte) di una bambina di 18 mesi

Mia figlia passa le ore al telefono.

Non ha 16 anni, ma 18 mesi, e in verità non parla nemmeno con un vero e proprio apparecchio telefonico, ma con telefoni giocattolo, torce, banane e con tutto ciò che può essere avvicinato a un orecchio. Naturalmente si potrebbe pensare che lo faccia per emulazione, ma io faccio lunghe telefonate coi miei solo mentre preparo la cena, quando lei è in soggiorno con il padre. Nel corso della giornata può capitare che risponda al telefono, ma si tratta di conversazioni brevissime, solitamente con operatori di call centre ai quali spiego nel modo più gentile possibile che la loro offerta mi è stata proposta da almeno altri 3 loro colleghi nei giorni precedenti. Tra l’altro, cerco davvero di essere sempre “civile”, nelle mie risposte, perché ho fatto un lavoro che mi costringeva ad avere a che fare con la gente e non era per nulla semplice o divertente. Invece mia figlia, al telefono, è incavolata nera.

La maggior parte delle sue telefonate inizia con calma, ma è un crescendo di sillabe che esprimono disappunto, come se stesse rimproverando qualcuno poco efficiente. Sembrano telefonate di lavoro atte a riportare in carreggiata un dipendente poco efficace: inizia la conversazione seduta, per poi alzarsi e camminare nervosamente per la stanza. Non so chi sia il suo interlocutore, ma di sicuro l’ha combinata grossa.

Ogni tanto fa anche qualche chiamata a un’amica, perché ascolta per un minuto e poi scoppia in grandi risate, terrorizzandomi perché penso al classico racconto di fantascienza in cui extraterrestri vari conquistano la Terra mettendosi in contatto coi bambini e usandoli per mettere in atto il piano di invasione. Temo di vivere in “Ora zero” di Ray Bradbury, in pratica.

Per superare le mie perplessità, allora, chiamo una delle nonne e le avvicino la cornetta, per farla parlare con qualcuno di reale e senza antennine verdi: niente, un paio di sorrisi ma silenzio assoluto. La bambina parla solo coi suoi dipendenti e con gli amichetti immaginari. Ho capito che siamo entrati nella fase dell’emulazione, ma questo sembra essere il suo comportamento preferito: se spolvero, passa 3 secondi a imitarmi. Se mi lavo i denti, ho 2 secondi della sua attenzione. Se mi vesto, prova il mio reggiseno per 1 secondo e lo butta via.

Quando avevo 17 anni, vivevo al telefono. Cosa mi aspetta tra qualche anno? Magari le passerà, questa mania: nel frattempo, se le capita tra le mani una fetta di pane, se la porta all’orecchio e, a volte, me la passa pure. A me sta bene, reggo il gioco. Purché, uno di questi giorni, non mi risponda un omino verde dall’altra parte.

Foto | Flickr

Leggi anche

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 ore ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori1 giorno ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola2 giorni ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola5 giorni ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola1 settimana ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola1 settimana ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli2 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola2 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola3 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola3 settimane ago

Sostegno per i bambini con difficoltà di apprendimento

I bambini con difficoltà di apprendimento possono affrontare sfide uniche nel loro percorso educativo. L’apprendimento è un processo fondamentale nella...

bambino e mamma che compilano il calendario bambino e mamma che compilano il calendario
Scuola4 settimane ago

Insegnare ai bambini l’importanza della puntualità e dell’organizzazione

La puntualità e l’organizzazione sono due abilità importanti, ecco qualche consiglio per insegnarle ai bambini. Insegnare ai bambini l’importanza della...