Giocare con i propri figli è importante per la loro crescita

Per diventare grandi bisogna giocare e possibilmente bisogna farlo con mamma e papà. Intrattenere con il gioco il piccolo è importante esattamente come curare la sua alimentazione.

Molto spesso il gioco è sottovalutato e tantissimi genitori, la maggior parte, fatica a trovare un po’ di tempo nel corso della giornata per giocare con i propri figli. Diciamo pure che in alcune situazioni è davvero un privilegio. Dovremmo però iniziare a pensare che l’attività ludica è fondamentale per la crescita e lo sviluppo cognitivo. A porre l’attenzione su questo problema è la Fondazione Movimento bambino, che sottolinea la questione con alcuni dati.

giocare con bambini

Solo 4 genitori su 10 giocano con i bimbi. L’attività è spesso delegata ai nonni, per questioni di tempo e di spazio nel 64 percento dei casi. La psicoterapeuta Maria Rita Parsi ha così consigliato:

Anche giocare è un’attività indispensabile per la vita di ogni bambino, così come lo sono il cibo, l’acqua, il sonno, Crescere è impossibile se non si gioca. Nella relazione genitore-figlio attraverso il gioco, la triade bimbo-mamma-papà è destinata ad allargarsi e a comprendere a poco a poco anche gli oggetti. Oggetti che fungono da stimolo per la naturale creatività del bambino.

Secondo l’esperta, il gioco serve a costruire la fantasia del bambino, a organizzare le sue emozioni, guidato dai genitori, che sono le figure di riferimento in assoluto. Quest’attività parte con l’allattamento: in questa fase la relazione è solo a due, mamma e bambino.

Con la presenza del padre, che s’inserisce nel gioco di sguardi, di carezze e di coccole tra la madre e il suo bambino, la diade si trasforma in triade. La relazione con il padre è determinante per l’indipendenza e per l’apprendimento. Uno dei principali compiti del padre nei primi anni di vita del bambino consiste proprio nel permettere al figlio di stabilire un contatto con la realtà esterna.

La Fondazione Movimento bambino promuove alcuni incontri sul tema: a Roma, il 30 ottobre presso Explora-Museo dei bambini, e poi a Napoli, il 6 novembre alla Città della Scienza-Officina dei piccoli. Ricordiamo, inoltre, quanto sia importante il gioco all'aperto, anche in autunno.

Via | LaStampa

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail