Litigio tra bambini, quando devono intervenire i genitori

Cosa fare in caso di litigio tra i bambini? Cosa fare se due fratellini o due amichetti si mettono a litigare per un giocattolo o per un'altra questione? Ecco come devono comportarsi i genitori o gli adulti in questi casi.

Cosa fare in caso di litigio tra bambini? I genitori o gli adulti che si trovano lì al momento del litigio cosa devono fare? Gli esperti consigliano di non intervenire direttamente nei litigi che riguardano i bambini, a meno che la situazione non degeneri e i piccoli non siano in effettivo pericolo. O anche nel caso in cui uno dei bambini decida di usare mani e gambe per farsi valere.

Solitamente i litigi per bambini riguardano fatti che a noi possono sembrare futili, ma che per loro sono di fondamentale importanza: un giocattolo conteso, uno spazio "invaso", un fraintendimento tra i piccoli. Nel momento in cui i bambini litigano, mamma e papà devono controllare che tutto proceda bene, ma a debita distanza: sono i bambini che devono superare la situazione.

E' bene intervenire, però, se la situazione si protrae a lungo o se notate che la situazione possa aggravarsi all'improvviso. Cosa fare in questi casi? Innanzitutto separare i bambini, mettersi alla loro altezza e spiegare loro perché non debbano litigare. Se la questione è un giocattolo conteso, ad esempio, è bene spiegare ai bambini che ad ognuno spetta il suo gioco e potrà avere quello dell'altro chiedendolo cortesemente e attendendo la risposta o aspettando che l'amichetto o il fratellino abbia finito di giocarci.

Insomma, la presenza di mamma e papà deve essere sempre percepita, ma in un primo momento deve essere "passiva", lasciando che i piccoli gestiscano la cosa. Solo in un secondo momento sarebbe bene intervenire cercando di spiegare loro perché siamo intervenuti e facendoli riflettere, senza colpevolizzare nessuno.

Litigio tra bambini

Foto | da Flickr di seeveeaar

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail