Diciamoci la verità, quante volte ci è capitato di udire nomi a dir poco stravaganti, quando non proprio imbarazzanti dati ad un bambino e abbiamo pensato: “Certi genitori andrebbero messi in galera“? Ebbene, la notizia è che in certi casi, questo potrebbe avvenire davvero.

Ci sono nomi, in giro per il mondo, considerati non solo brutti o inopportuni, ma addirittura fuorilegge, e pertanto qualora i genitori decidessero di imporli comunque ai loro bebè passerebbero un mucchio di guai. Se pensiamo ai nomi improbabili di tanti bambini vip ci viene da pensare: “E quelli, perché sono legali“?

La risposta risiede nel fatto che un nome, per essere giudicato contrario alla legge, deve evidentemente costituire una sorta di pericolo, di “attentato” all’etica comune, deve esser percepito come lesivo della dignità di personaggi politici o del senso religioso, oppure deve essere impronunciabile. Ci sono nomi così? Forse non ve ne vengono in mente, ma in molti stati del globo sono stati redatti veri e propri elenchi dei nomi per bambini “proibiti“, vediamone 17.

  1. Tom
    In Portogallo non si può imporre ad un bambino il nome Tom perché è un diminutivo (di Tomàs, versione lusitana del nome Tommaso), e pertanto qualunque “riduzione” di un nome proprio è bandita
  2. Elaine
    In Arabia Saudita ci sono bizzeffe di nomi che non si possono imporre ai neonati. Sono soprattutto nomi occidentali e anglo-americani in particolare, come Elaine, o relativi ad un titolo regale, come ad esempio Prince
  3. Facebook
    Nello stato messicano di Sonora devono aver avuto un boom di piccoli e piccole Facebook, tanto che le autorità sono state costrette a proibire ai genitori di usare il nome del più popolare social network per chiamare i loro bambini… Potere del web, incredibile ma vero
  4. @
    In Cina è stata bandita la “chiocciolina” come nome per bambini. Abituati agli ideogrammi, forse anche questo simbolo era stato considerato più o meno alla tessa stregua…
  5. Robocop
    Non sappimao se qualche genitore fan del “mitico” Robocop abbia davvero imposto questo nome al suo bambino, ma se l’ha fatto in passato, certo non potrà più farlo da ora in avanti in Messico
  6. Talula Does The Hula From Hawaii
    E’ un nome? Direte voi. Non proprio, è una frase che dice: “Talula fa la hula dalle Hawaii” e che una coppia neozelandese aveva deciso di imporre (tutta insieme) alla propria bambina. Il nome è stato, però, giudicato del tutto improprio e quindi i genitori hanno dovuto cambiarlo. Ma guarda un po’…
  7. Traffic
    In Messico la parola Traffic (piuttosto ambigua e inquietante, nel Paese noto anche per essere il crocevia del narcotraffico), è stata bandita come nome per i bambini. Ci sembra legittimo
  8. Linda
    Bellissimo nome, ma non per l’Arabia Saudita (troppo occidentale)
  9. Adolf Hitler
    Vietato negli Stati Uniti. Non c’è bisogno di spiegare perché
  10. Alice
    Indovinate un po’ dove questo bellissimo nome femminile è bandito? Ma in Arabia Saudita, naturalmente
  11. Lady Di
    In Messico non si può chiamare una bambina Lady Di, come la defunta principessa del Galles, ma, nel caso, Diana
  12. Metallica
    Scordatevi di chiamare vostro figlio Metallica (come la nota band heavy metal) in Svezia
  13. Circumcision
    In Messico non potreste chiamare vostro figlio o figlia con questo nome. E sarebbe meglio evitarlo ovunque
  14. Brfxxccxxmnpcccclllmmnprxvclmnckssqlbb11116
    Nome impronunciabile che un coppia svedese aveva tentato di imporre al proprio bambino proprio per protestare contro le restrittive leggi sui nomi del loro Paese. Bocciati
  15. James Bond
    Non vi arrischiate a chiamare il vostro baldo pargolo come il mitico ere creato dalla penna di Ian Fleming in Messico!
  16. Sex fruit
    Tutti i bambini sono figli dell’amore, diciamo così, ma guai a ricordarlo nel loro nome di nascita, soprattutto in Nuova Zelanda!
  17. Terminator
    Sarebbe un nome inquietante, come minimo, ovunque, ma in Messico non ne vogliono proprio sapere di bambini chiamati così…
    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | via Pinterest
Via | mirror.co.uk

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cronaca Leggi tutto