Durante l’allattamento al seno può capitare che la neo mamma si accorga di avare dei cali nella produzione del suo latte. Sono tante le possibili cause a questo evento, alcune delle quali del tutto risolvibili. In genere a stimolare le ghiandole mammarie a produrre più latte è proprio il bambino, perché più poppa, più il corpo materno “risponde” alle esigenze nutritive del piccolo. La prolattina e gli ormoni della gravidanza concorrono a che il latte continui a venir prodotto in buona quantità e sempre più nutriente finché la mamma continua ad offrire il seno al suo bambino.

Logicamente un calo fisiologico si osserva dopo lo svezzamento, quando si riduce il numero e la durata delle poppate, ma talvolta questo avviene prima, quando ancora il bebè viene allattato esclusivamente al seno e in questo caso è bene porvi rimedio. Come anticipato, le cause possono essere diverse, ad esempio una dieta non adeguata (magari la neomamma decide di voler subito smaltire i chili della gravidanza e segue un’alimentazione troppo povera di calorie, proteine e grassi che inibiscono la produzione del latte), carenze nutrizionali, un po’ di anemia, stress e poco riposo.

In questi casi può essere sufficiente modificare la dieta attendendosi alle indicazioni nutrizionali fornite dal ginecologo o della ostetriche, cercare di ridurre i troppi impegni e di riposare ogni volta che c’è la possibilità (anche durante il giorno). Talvolta un calo improvviso e momentaneo del latte è solo dovuto all’arrivo del capoparto, ovvero delle prime mestruazioni dopo il puerperio, ma in questi casi non c’è da preoccuparsi perché tempo un paio di giorni e tutto torna come prima.

E’ importante, quando si osserva un lieve calo nella produzione di latte, attaccare il bebè più spesso al seno perché, come abbiamo visto, proprio la suzione è il principale stimolo per le ghiandole mammarie. Quindi non bisogna demoralizzarsi e correre a comprare il latte artificiale.

Detto questo, se però, ci si accorge che il proprio latte è comunque un po’ scarso, si può ricorrere all’assunzione delle erbe galattogene, tra cui la galega, che find all’antichità le mammme hanno sempre usato a tale scopo. Trovate queste miscele, da assumere sotto forma di tisana, in erboristeria ma non fate di testa vostra, meglio sempre interpellare il vostro medico e chiedere il suo parere.

Talvolta può essere necessaria una integrazione vitaminica in fase di allattamento, ma in linea di massima i cali nella produzione del latte sono transitori, legati a fasi di stress che si possono superare naturalmente senza ricorrere a nessun prodotto miracoloso.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Salute Leggi tutto