Il cordone ombelicale è il tramite che ha tenuto legati feto e mamma durante tutta la gravidanza, facendo passare il nutrimento al bambino attraverso il sangue materno. Molte recenti ricerche hanno però scoperto che nel cordone ombelicale sono contenute molte cellule staminali pluripotenti, ed è anche quest la ragione per cui si sta promuovendo la donazione del tutto libera e gratuita del cordone da parte delle mamme, dal momento che proprio l’uso delle staminali può aiutare a curare malattie importanti come la leucemia.

Detto questo, però, anche se è importante conservare questo piccolo “pezzo” di tessuto vascolarizzato nelle apposite Banche, non è necessario avere troppa fretta nel tagliarlo. Infatti le stesse staminali contenute nel cordone sono benefiche in primis per il bambino, contribuiscono a rinforzare le sue difese immunitarie e quindi i medici e le ostetriche attualmente consigliano di attendere qualche minuto in più prima di effettuare il taglio, una pratica che ormai spetta ai papà che hanno avuto il “coraggio” di assistere alla nascita del loro bambino.

Una ricerca condotta dall’Università di Granada (Spagna) e coordinata dal professor Julio José Ochoa Herrera, condotta su un campione di neonati, ha sondato l’impatto che il ritardo del taglio del cordone aveva sullo stress ossidativo dei piccoli. Ebbene, proprio i bebè a cui il cordone era stato reciso con due minuti di ritardo rispetto agli altri si erano ripresi prima dalle fatiche del travaglio e mostravano minor tendenza alle infiammazioni. Ovvero, erano più forti degli altri.

il nostro studio mette in luce l’importanza del rimandare il taglio del cordone ombelicale. Dalle analisi emerge chiaramente che ritardando il taglio i bambini sono in grado di rispondere meglio allo stress dovuto al travaglio. Un dato importante che potrebbe essere associato ad un miglior sviluppo nei giorni immediatamente successivi la nascita

Ha commentato il dottor Ochoa Herrera. Un consiglio da mettere in pratica in sala parto!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest
Via | Stampa.it

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gravidanza Leggi tutto