Educazione sessuale, l’OMS consiglia di spiegarla presto ai bambini

L’educazione sessuale spiegata ai bambini: ecco i consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, utili per gli operatori scolastici, sanitari, per gli specialisti, ma anche per i genitori.

L’educazione sessuale va spiegata o no ai bambini? E a partire da quale età? C’è un momento nella vita di ogni bambino nel quale nascono spontanee domande su come nascono i bambini: sono domande legittime che si fanno i piccoli, forse stanchi di essere presi in giro da cicogne e cavoli, ma che possono mettere in seria difficoltà i genitori che non sanno come affrontare il discorso. Secondo quanto suggerito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità andrebbe spiegata fin da piccoli.

L’educazione sessuale è uno strumento molto importante, per insegnare ai bambini come funziona il corpo umano, per evitare gravidanze precoci e anche per impedire la diffusione delle malattie trasmissibili con il sesso: è solo con la giusta e corretta informazione, infatti, che gli adulti di domani potranno affrontare queste problematiche. Se in paesi come l’Olanda si inizia già quando i bambini hanno 4 anni e nonostante sia diventata obbligatoria in tutti i paesi dell’Unione, come riportato nel documento Policies for Sexuality Education in the European Union del 2013, in Italia siamo ancora molto indietro.

Nel nostro paese per poter accedere a corsi di educazione sessuale ci si deve rivolgere solitamente ai consultori oppure sperare in qualche insegnante che si voglia prendere la briga di affrontare l’argomento con i ragazzi. Argomento che dovrebbe essere già affrontato a casa, non appena il bambino comincia a mostrare curiosità verso queste tematiche, che non devono essere considerate un tabù.

Esistono anche dei libri pensati per i bambini e per i genitori che possono aiutarci ad affrontare un tema sicuramente molto delicato, ma fondamentale per la crescita dei nostri ragazzi!

Via | aispa

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

I Video di Bebèblog