Cos'è la sindrome da rosolia congenita e come si previene

Che cosa si intende per sindrome da rosolia congenita? Quando si manifesta questa patologia nei neonati e cosa comporta nei piccoli? Ecco i consigli degli esperti per poterla prevenire.

sindrome da rosolia congenita

La sindrome da rosolia congenita è la malattia che si sviluppa per infezione materna primaria: se la mamma contrae in gravidanza la rosolia (perché non ha mai fatto la malattia e non si è vaccinata contro la patologia tipica dell'infanzia), il neonato potrebbe nascere con la cosiddetta sindrome da rosolia congenita.

Le conseguenze della rosolia sul feto sono diverse: si parla di morte in utero, ma anche di anomalie multiple e di perdita dell'udito. Tra le complicanze abbiamo ritardo della crescita intrauterina, meningoencefalite, cataratta, retinopatia, perdita dell'udito, disturbi cardiaci (ipoplasia dell'arteria polmonare e dotto arterioso pervio), epatosplenomegalia e osteite. E ancora, si possono notare trombocitopenia con porpora, eritropoiesi cutanea che provoca lesioni violacee, adenopatia e polmonite interstiziale.

Alcuni neonati possono essere asintomatici alla nascita e solo con test sierologici e colture virali i medici possono capire se il neonato è stato colpito dal virus o meno.

Come per la rosolia nei bambini o negli adulti, anche nei neonati non esiste una terapia specifica: proprio a causa delle gravi conseguenze sul bambino, è consigliabile per tutte le donne che vogliono avere un figlio di verificare l'immunizzazione e nel caso non fossero presenti gli anticorpi, sarebbe bene sottoporsi alla vaccinazione (che non può essere fatta in gravidanza).

Foto | da Flickr di philippe put

Via | Msd Italia

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail