Quali sono le piante velenose per i bambini

Lo sapevate che esistono delle piante potenzialmente pericolose per i nostri bambini? Scopriamo quali sono le piante velenose da non tenere in casa.

piante velenose per i bambini

Lo sapevate che ci sono delle piante velenose per i bambini? Stiamo parlando di piante da interni o che teniamo sui balconi e in giardino che, in caso di ingestione, possono essere tossiche e velenose per l'organismo. Conoscerle è fondamentale, perché sappiamo quanto i bambini siano attratti da tutto quello che li circonda.

Ma quali sono le piante che possono essere dannose per i bambini? Ce ne sono di molto comuni, ecco l'elenco:


  • Aconito (Aconitus napellum): tutta la pianta è tossica.
  • Agrifoglio (Ilex aquifolium): attenzione alle bacche e alle foglie, se ingerite possono causare nausea, vomito, diarrea, sonnolenza, convulsioni.
  • Azalea (Azalea indica): sono velenose solo le foglie, se ingerite possono provocare stomatite, vomito, diarrea, debolezza, deficit della vista, convulsioni e coma.
  • Ciclamino (Cyclamen europeum): è velenosa tutta la pianta, può provocare vomito, diarrea e crisi convulsive.
  • Dieffenbachia (Dieffenbachia spp.): se si tocca può irritare la pelle, mentre se vengono mangiate le foglie si può provare bruciore in bocca.
  • Filodendro (Philodendrum): la sostanza bianca rilasciata può provocare irritazione a pelle e occhi, ma anche soffocamento se ingerita.
  • Ginestra (Spartium junceum): potrebbe essere addirittura fatale.
  • Gelsomino (Gelsemium sempervirens): tutta la pianta è velenosa, può provocare debolezza, incoordinazione die movimenti, problemi alla vista e a deglutire, crisi convulsive, insufficienza respiratoria.
  • Glicine (Wistaria sinensis): occhio a semi e radice, presenta i sintomi della gastroenterite.
  • Mughetto (Convallaria majalis): occhio a fiori, foglie e frutti, l'avvelenamento può causare anche la morte.
  • Oleandro (Nerium olenader): nei rami, nelle foglie e nei fiori c'è un veleno.
  • Ranuncolo bianco o anemone di bosco (Anemone nemorosa): è altamente velenoso, può provocare depressione respiratoria e cardiocircolatoria.
  • Ricino (Ricinus communis): se si ingeriscono i semi si può arrivare anche alla mrte.
  • Stella di Natale (Euphorbia pulcherrima): è velenoso il succo che esce dal gambo, sia se viene ingerito sia per contatto.
  • Vischio (Viscum album): è moloto tossica come pianta, in particolare le bacche.

Il consiglio è quello di tenere comunque le piante lontane dalla portata dei bambini, finché non sono grandi e capiscono che fiori e foglie non si mangiano.

  • shares
  • Mail