Parto attivo: gli esercizi e le posizioni consigliate

Sono sempre più le donne a scegliere il parto attivo: ecco in cosa consiste e quali sono gli esercizi utili e le posizioni consigliate

Il parto attivo, da active birth, termine coniato negli anni 70, definisce il parto nell'ambito del quale la donna viene lasciata libera di assumere le posizioni preferite, ovvero quelle che la mettono a proprio agio, sia nella fase del travaglio che del parto. Possiamo ben dire che la donna diventa, così, la protagonista indiscussa di tale intenso momento.

Oggi sono numerosi gli ospedali a permettere tale scelta della partoriente, la quale viene lasciata libera di assumere la posizione desiderata e non quella generalmente "imposta" che la vede sdraiata e con le gambe divaricate, sicuramente molto comoda per il personale medico ma non per la futura mamma, alla quale non risulta particolarmente naturale.

Ed a proposito di posizioni, quelle possibili sono diverse, ad iniziare dalla più semplice, ovvero quella che vede la donna in piedi. Tale posizione favorisce la nascita del bambino in quanto rende più facile  l'espulsione del piccolo, potendo contare sul contributo derivante dalla forza di gravità. In piedi la donna può decidere se appoggiarsi al muro, per trovare un certo sostegno, o al proprio compagno o madre. Le più temerarie decidono anche di camminare, fino a quando risulta loro possibile.

Altra posizione è quella che vede la donna poggiare le mani e le ginocchia per terra, ovvero a quattro zampe. Nonostante possa sembrare una scelta scomoda, si rivela particolarmente vantaggiosa per le donne che soffrano di mal di schiena o che abbiano accumulato parecchi chili, perchè va a favorire un alleggerimento della pressione effettuata altrimenti sul bacino.

C'è, infine, la posizione che vede la donna accovacciata, ovvero con le gambe piegate ed il peso del corpo che va ad insistere sui talloni. Tale posizione favorisce una naturale distensione della zona del perineo ed evita di conseguenza il pericolo di lacerazioni tra la vagina e l’ano. Non trattandosi di una posizione molto comoda, però, richiede spesso delle brevi camminate utili per sgranchire i muscoli delle gambe.

Per prepararsi al parto attivo nel migliore dei modi esistono una serie di esercizi volti a predisporre  il corpo a tale evento. Guardate il video in apertura nel quale ne vengono illustrati diversi, tutti utili per non arrivare impreparate al fatidico momento.

Foto | via Pinterest

  • shares
  • Mail