A Torino arriva la prima scuola senza i compiti

I bambini, ma anche i genitori, sognano una scuola senza compiti: a settembre a Torino il sogno diventerà realtà.

compiti

I compiti sono la croce di ogni bambino, che torna a casa e, dopo ore trascorse tra i banchi di scuola, deve ancora studiare. Ma sono la croce anche di molti genitori, che non hanno voglia e tempo di star dietro ai figli e non capiscono perché i bambini non possano fare tutto a scuola. Premesso che molti esperti sottolineano che i compiti a casa servono, eccome, sappiate che se volete una scuola senza compiti, vi basterà andare a Torino.

A settembre, infatti, il capoluogo piemontese ospiterà la prima scuola elementare dove non ci saranno i compiti, dove si potrà andare senza cartella e dove non si daranno i voti agli studenti. "La scuola possibile", questo il nome che è stato dato al progetto, è un istituto privato, nato da un'idea di Laura Milani, direttore dello Iaad, Istituto di arti applicate e design.

La scuola possibile avrà al massimo 15-18 bambini per classe per riservare a ognuno di loro la giusta attenzione e sarà fondata sul rapporto di collaborazione tra allievi e maestri: gli insegnamenti saranno suddivisi in 5 aree: alfabetizzazione, immagine, scienza, suono e movimento. La scuola inizierà alle 8 e finirà alle 17, con tre moduli di lezione da 80 minuti, con lunghe pause per mangiare e giocare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail