Come spiegare ai bambini i colori caldi e freddi

Ecco come insegnare facilmente ai bambini la differenza esistente tra i colori caldi e freddi

Come spiegare ai bambini i colori caldi e freddi

Rendono la vita decisamente più allegra e sono capaci di suscitare piacevoli sensazioni, sono tantissimi, sfumature comprese, ed i bambini, specie quelli più piccoli, ne sono particolarmente incuriositi: che mondo sarebbe senza i colori?

Una volta imparato a riconoscere i principali, si può passare alla spiegazione successiva, ovvero quella relativa alla suddivisione degli stessi in base alla "temperatura".


Colori caldi e colori freddi: come spiegarli ai più piccoli? Non è difficile come sembri.

Iniziate illustrando ai bimbi come tutti i colori esistenti, ad eccezione del bianco e del nero, vengano generalmente raggruppati in due grandi categorie, quella dei colori caldi e quella dei colori freddi.

Come riconoscere a quale gruppo appartengano? Semplicemente affidandoci alle sensazioni da essi trasmesse.

Alcuni di essi richiamano naturalmente il caldo: viene da sè che il giallo, l'arancione ed il rosso in tutte le loro tonalità ci facciamo venire in mente tutte le sfumature di un tramonto, e quindi il sole.

A loro differenza, invece, colori come il blu, il verde, il viola ci ispirano sensazioni fredde: basti pensare all'acqua del mare ed al cielo ma anche alla neve ed al ghiaccio.

Ecco perchè si suole suddividere i colori in caldi e freddi: ognuno di essi evoca una temperatura abbinata al tepore o al gelo.

In base alla teoria dei colori un cenno meritano anche il bianco ed il nero: questi, come anticipato, sono considerati dei non colori in quanto il bianco non è altro che la somma di tutti i colori, mentre il nero deriva dalla loro assenza.

  • shares
  • Mail