Bambini, cosa mangiare dopo il vomito?

Qual è l’alimentazione adatta dopo un episodio di vomito nel bambino? Quando può ricominciare a mangiare?

Ricorrete all'ospedale in caso di lattanti con febbre alta, in caso di respirazione difficoltosa, se ci sono febbre alta, diarrea e vomito e si rischia la disidratazione.

Dopo il vomito è normale che il bambino non abbia fame. Prima di tutto perché potrebbe avvertire ancora un forte senso di nausea e poi perché potrebbe aver paura di vomitare nuovamente. Che cosa mangiare? Potete fare in modo che il piccolino stia un po’ a riposo e che quindi faccia un piccolo digiuno. Si tratta di qualche ora (di solito si attendono fino a un massimo di 8 ore).

In questa fase è importante mantenere il piccolo ben idratato e quindi farlo bere. Potreste provare anche con i sali minerali, che saranno sicuramente più efficaci. Vanno poi benissimo le spremute d’arance (poche), il tè ben zuccherato o la camomilla e l’acqua (non oligominerale).

Se il bimbo non riesce a bere, provate con piccoli sorsi liquidi chiari e freddi: un cucchiaino per volta ogni 10 minuti, poi raddoppiare la quantità ogni ora. Quando il bimbo si sente di mangiare, preferite qualcosa di leggero e digeribile come il riso, gli gnocchi, le patate bollite, magari qualche minestrina. Vanno benissimo anche biscotti, grissini, crackers e del prosciutto cotto. Nel bimbo più piccolo, fate attenzione al peso e al pannolino bagnato. Se non fa pipì o ha perso molto peso potrebbe essere disidrato e si consigli di portarlo al pronto soccorso dopo un calo del 10 percento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail