Bambini possessivi che non condividono: cos'è la fase egocentrica del bambino

I bambini non condividono i giochi e le loro cose? Sono possessivi e dicono sempre mio? E' la fase egocentrica del bambino!

bambini arrabbiato giocattolo

I bambini non amano condividere i giochi: dicono sempre è Mio e non sono quasi mai disposti a cedere i loro giocattoli preferiti. Del resto è comprensibile, anche se noi vorremmo tanto che fossero più aperti alla condivisione: voi cedereste mai la vostra borsa preferita o la vostra amata auto a un'altra persona, magari che non conoscete? Mettiamoci nei loro panni.

La fase egocentrica dei bambini, che inizia nei primi anni e, se gestita adeguatamente, sparisce intorno ai 7-8 anni, può metterci in difficoltà: soprattutto intorno ai 3 anni, quando i bambini entrano più in contatto con altri coetanei e bimbi più grandi, potrebbero verificarsi dei casi in cui la non volontà di condividere i giochi possa sfociare in liti tra i piccoli.

Imporre ai bambini di cedere le loro cose agli altri, non è mai una buona idea, perché si ottiene l'esatto contrario di quello che si vorrebbe fare: i piccoli si incaponiscono e non comprendono cosa voglia dire condividere. Spiegare, invece, che i giocattoli possono essere scambiati, possono essere dati momentaneamente a un altro bambino, che poi li restituirà come li ha ricevuti, è importante: il gioco dello scambio può essere carino da fare anche in casa, per insegnare a condividere le cose con gli altri.

Spiegare ai bambini le cose che vogliamo che imparinoè sempre la strada migliore da percorrere, anche se sono piccoli, perché state pur certi che capiranno. Certo, ci vuole pazienza e calma: magari dovrete ripeterlo mille volte, ma vedrete che alla fine la strategia darà i suoi frutti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail