I bambini a 13 anni vogliono già il primo tatuaggio

Un tatuaggio è per sempre: i bambini lo sanno eppure ne vogliono uno e i genitori sono molto preoccupati.

Close up of adult and infant feet, adult's feet with tattoos

Dopo la prima sigaretta, arriva il momento in cui i figli chiedono a mamma e papà di farsi un tatuaggio (non tutti lo chiedono). In alcune famiglie questo è un vero dramma, perché i genitori spesso sono in allarme perché temono ripercussioni per la salute o per il lavoro futuro.

Il 78% dei genitori ha ammesso che se lo sapesse in anticipo, vieterebbe al figlio il disegno permanente. Tuttavia 1 genitore su 10 pensa che lo potrebbe permettere come premio per un'occasione speciale o se il tattoo rimanesse nascosto. E' il quadro che emerge da un sondaggio Usa condotto dall'università del Michigan su un migliaio di genitori.

Le mamme e i papà sono poi preoccupati che il figlio se ne possa pentire in futuro o che possa essere giudicato sul lavoro per un tatuaggio. Il trend comunque è in crescita: il 27% dei genitori di ragazzi tra i 16 e 18 anni e all'11% di quelli con figli di 13-15 anni ha già ricevuto la richiesta di farne uno. Il 5% dei genitori ha detto che i figli ce ne hanno già uno, mentre il 32% degli stessi genitori ne ha uno a sua volta.

Non resta quindi che prepararsi psicologicamente e soprattutto imparare a gestire eventuali complicanze mediche: i pediatri sono stati sollecitati per fornire spiegazioni e indicazioni ai genitori.

  • shares
  • Mail