Come giocavano i bambini di ieri

Come giocavano i bambini di ieri? Scopriamo insieme quali erano i giochi preferiti da mamme, papà, nonni e zii.

Come giocavano i bambini di ieri? Cosa facevano i più piccoli senza computer, smartphone, tablet, internet, videogiochi e televisione disponibile 24 ore su 24? Un altro modo, altre vite, molta più vita all’aria aperta e con gli amici e molta meno pressione. I bambini di ieri si divertivano lo stesso anche senza tecnologia, anzi forse si divertivano di più dato che ci si doveva inventare modi per passare i pomeriggi senza annoiarsi.

Nascondino


Uno dei giochi più divertenti era senza dubbio nascondino, un must che ha resistito per moltissimi anni e che era uno dei giochi preferiti della ricreazione di quando io andavo alle elementari. Un bambino si mette con la testa contro il muro e conta fino a 30 – 40, nel frattempo gli altri si nascondono. Scaduto il tempo si cercano i compagni: basta trovarne uno e poi si deve correre alla base, chi arriva per ultimo deve fare la conta e cercare gli altri compagni.

Un due tre stella!


Un due tre stella!

È un gioco di gruppo molto simpatico e divertente. Una persona di mette faccia al muro e fa la conta, e gli altri si posizionano a circa 10 metri, lo scopo è avvinarsi senza farsi beccare in movimento. Chi conta dice a voce alta “Un due tre… stella!“ e si gira, chi viene beccato a muoversi deve tornare in fondo, dopo due volte è eliminato. Vince chi arriva per primo senza farsi vedere in movimento.

Il gioco del fazzoletto


Molto simpatico anche il gioco del fazzoletto. Ci si posiziona su due file parallele e al centro si mette una persona con il fazzoletto in mano. Ai giocatori delle due file corrispondono dei numeri uguali due a due, quindi quando il battitore dice un numero, ad esempio 5, i due numeri 5 devono correre per prendere il fazzoletto. Chi non lo prende può inseguirle il compagno e soffiarglielo, ma solo fino a quando non ritorna al suo posto.

Strega comanda


Altri giochi che vale la pena ricordare sono “Strega comanda!”, la strega dice di un colore ” strega comanda color…. Giallo” e tutti i giocatori devono recuperare un oggetto del medesimo colore. Chi arriva per primo diventa la nuova strega e sceglie il colore. Il gioco della sedia ve lo ricordate? Si mettono le sedie quanti sono i giocatori meno uno, si accende la musica e si cammina intorno alle sedie, appena la musica si ferma bisogna sedersi e chi resta in piedi è eliminato e deve portarsi una sedia. Vince l’ultimo che riesce a sedersi!

Molto carino anche il gioco della Campana, si disegnava per terra con il gesso e poi ci si saltellava sopra a un piede e poi il tiro alla fune e il salto con la corda.

Qual era il vostro preferito?

Foto | iStock

  • shares
  • Mail