La filastrocca sulla dislessia

Ecco una bellissima filastrocca sulla dislessia scritta da una maestra.

filastrocca sulla dislessia

Una filastrocca sulla dislessia per spiegare i bambini e anche ai grandi cos'è la dislessia, come si affronta e come si aiuta chi soffre di questo disturbo dell'apprendimento. Un racconto semplice, fatto in rima, prima alternata, poi baciata e poi di nuovo alternata. Per parlare di dislessia come se ne dovrebbe sempre parlare a scuola.

Non bisogna vergognarsi. Se si è dislessici o se si soffre di altri disturbi dell'apprendimento, ci sono tante soluzioni che si possono adottare per imparare a scuola come i propri compagni. Basta avere gli strumenti giusti e un insegnante che possa aiutare ogni ragazzino a esprimere il proprio potenziale superando le difficoltà e insistendo sui propri punti di forza. Cosa che ogni maestro e ogni maestra dovrebbero fare in tutte le classi del mondo.

Filastrocca sulla dislessia

La dislessia non è una malattia,
nessun medico potrà cacciarla via,
ma se a scuola avrai un po' fortuna
l'insegnante sarà la tua cura:

le mappe mentali che dovrai usare
ti aiuteranno a ripetere ciò che non puoi ricordare;

la calcolatrice sarà il tuo strumento
che potrai usare in ogni momento;

il computer correggerà i tuoi errori
e la sintesi vocale farà per te i sonori.

Nelle verifiche usa gli strumenti,
mappe comprese, e non batterai i denti.

Poi vedrai che nella vita
la dislessia diventerà tua amica
e ti aiuterà ad inventare
ciò che gli altri non sanno neanche immaginare.

La poesia è stata scritta da una professoressa di nome Marta Messina, alla quale vanno i nostri ringraziamenti per aver spiegato in rima cos'è la dislessia e come si affronta.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail