Le più belle frasi del libro Cuore di Edmondo De Amicis

libro Cuore

Il libro Cuore è una pietra miliare della letteratura per ragazzi, un volume che Edmondo De Amicis ha scritto per i ragazzini delle scuole elementari nel 1886 per trasmettere le virtù civili ai più giovani, nella speranza di farle diventare un bagaglio per la vita. Cuore è un diario che copre un intero anno scolastico che, a quei tempi, andava da ottobre a luglio, il libro è ambientato in una scuola elementare di Torino, nel periodo dopo l’unità d’Italia. Il libro è diviso per mesi ed in ogni capitolo ci sono le parti di un diario, delle lettere e un racconto.

Questo libro è nato con un chiaro scopo didattico che De Amicis non ha mai nascosto, proprio per la sua struttura a misura di bambino, questo è considerato un libro senza tempo che è stato studiato e letto da migliaia di bambini.

Il volume oggi può apparire un po’ datato ma certi valori e certi sentimenti non passeranno mai di moda, sono e saranno sempre un faro nella nostra esistenza. Se avete bambini che amano leggere o che volete indirizzare verso i libri, potete proporre Cuore, è un libro davvero bello e sarà un modo per unire le generazioni della vostra famiglia.

Libro Cuore frasi

Vi proponiamo una raccolta delle frasi più belle tratte dal libro Cuore che potete leggere ai bambini e, magari trascrivere sui diari o in dei bigliettini da regalare ai nonni.

  • Coraggio... piccolo soldato dell'immenso esercito. I tuoi libri sono le tue armi, la tua classe è la tua squadra, il campo di battaglia è la terra intera, e la vittoria è la civiltà umana.
  • I tuoi libri sono le tue armi, la tua classe è la tua squadra, il campo di battaglia è la terra intera, e la vittoria è la civiltà umana.
  • E bada che se non conserverai queste amicizie, sarà ben difficile che tu ne acquisti altre simili in avvenire, delle amicizie, voglio dire, fuori della classe a cui appartieni: e così vivrai in una classe sola, e l’uomo che pratica una sola classe sociale, è come lo studioso che non legge altro che un libro.
  • E pronuncia sempre con riverenza questo nome – maestro – che dopo quello di padre, è il più nobile, il più dolce nome che possa dare un uomo a un altro uomo.

  • Rispetta la strada. L'educazione d'un popolo si giudica innanzi tutto dal contegno ch'egli tien per la strada. Dove troverai la villania per le strade, troverai la villania nelle case.
  • L'assassino che rispetta sua madre ha ancora qualcosa di onesto e di gentile nel cuore; il più glorioso degli uomini, che l'addolori e l'offenda, non è che una vile creatura.
  • Ed io soggiunsi: - In un'ora che son stato con lui non ha pronunciato cinquanta parole, non m'ha mostrato un giocattolo, non ha riso una volta; eppure ci son stato volentieri. - E mio padre rispose: - È perché lo stimi.
  • Ma nel fanciullo, in cui nessuna mira d'ambizione o d'altro interesse è ancor possibile; nel fanciullo che tanto deve aver più d'ardimento quanto ha meno di forza; nel fanciullo a cui nulla domandiamo, che a nulla è tenuto, che ci pare già tanto nobile e amabile, non quando compia, ma solo quando comprenda e riconosca il sacrificio altrui; l'eroismo nel fanciullo è divino.
  • Fu un momento grande e solenne. Lo sguardo, l'anima di tutti trepidava tra il feretro e le bandiere abbrunate degli ottanta reggimenti dell'esercito d'Italia, portate da ottanta ufficiali, schierati sul suo passaggio; poiché l'Italia era là, in quegli ottanta segnacoli, che ricordavano le migliaia di morti, i torrenti di sangue, le nostre più sacre glorie, i nostri più santi sacrifici, i nostri più tremendi dolori.
  • Tu non trascurare le piccole virtù, figliuolo.
  • Accoglieteli con un grande applauso. Sono ragazzi; ma rappresentano il paese come se fossero uomini: una piccola bandiera tricolore è simbolo dell'Italia altrettanto che una grande bandiera, non è vero? Applauditeli calorosamente, dunque. Fate vedere che anche i vostri piccoli cuori s'accendono, che anche le vostre anime di dieci anni s'esaltano dinanzi alla santa immagine della patria.
  • La tua parola irriverente m'è entrata nel cuore come una punta d'acciaio.

  • shares
  • Mail