Gli speciali compiti delle vacanze di un preside: “Riposate, pulite le spiagge e dimenticate il telefono”

Sono iniziate le vacanze e un preside del milanese ha diffuso una circolare diventata virale sul web.

Date di fine scuola giugno 2019

Non tutti gli insegnati sono a favore dei compiti delle vacanze. Ci sono diverse scuole di pensiero e sono in molti a credere che le pause scolastiche siano appunto delle pause e che anche i bambini e i ragazzi abbiamo bisogno di riposo. Ecco perché sono diventate famose le parole di Andrea Bortolotti, preside dell’Istituto comprensivo di Settimo Milanese e già professore di storia e filosofia al Liceo Scientifico “Vittorio Veneto” di Milano, che attraverso una circolare ha lanciato un messaggio importante in sette punti:

Riposatevi e divertitevi;
Coltivate le amicizie. Eventualmente anche nuove;
Se potete viaggiare, fatelo;
Poiché comunque potete ascoltare, guardare e leggere, fatelo: in particolare ascoltate musica, guardate film, leggete libri e fumetti e parlatene con i vostri amici;
Tenete un diario, scrivete agli amici, preferibilmente lettere o e-mail;
Pulite un tratto di spiaggia, di prato o di bosco. Nei casi disperati, cominciate pure da camera vostra;
Dimenticate spesso il cellulare da qualche parte. Nei casi disperati, dimenticatelo una sola volta. Nel secchiello del ghiaccio, con molto ghiaccio.

E poi ha concluso con un commento ironico

“Detti compiti non saranno valutati. Saranno loro a valutare voi”

La circolare è diventata virale in breve tempo, anzitutto grazie al post di Maurizio Parodi sul gruppo Facebook “Basta Compiti!”. Le intenzioni sono ottime, ma bisognerà fare un bilancio a settembre: quanti sono i docenti che hanno ridotto la mole di lavoro estiva? Forse anche i professori hanno bisogno di una circolare ad hoc.

  • shares
  • Mail